POESIE - CAMPANIA
Cena al chiaro di luna

Dialetto: Campania

Cena al chiaro di luna
Nu piatto 'e maccarune, doie sasicce
na braciulella passe e pretusino
câ sarza doce 'e piennolo assulato,
duie friarielle, addore d'aglietiello
nu cuzzetiello 'e pane, chillu niro,
na giarretella 'e vino, chillu buono
cu dint' 'e pperzechelle senza scorza,
chelle cô pizzetiello mpont'a ll'uosso.
Ce pò mancà 'o babbà ncopp' â tuvaglia?
e 'o limunciello verde ca t'abbrucia?
E pe tramente vene dâ cucina
chill'addore 'e cafè, 'o nnapulitano,
te vaso 'a vocca pe m'assapurà
'a piatanza cchiù bella 'e chesta sera.



Traduzione in italiano

Cena al chiaro di luna
Un piatto di maccheroni, due salsicce
un involtino di carne con uva passa e prezzemolo
con la salsa dolce di pomodorini maturati al sole,
un po' di frigerelli, odore di aglietto
un cozzetto di pane, quello nero,
un boccale piccolo di vino, quello buono
con dentro le pesche gialle sbucciate,
quelle col pizzetto alla punta dell'osso.
Può mancare il babà sulla tavoglia?
e il limoncello verde di alta gradazione?
E mentre viene dalla cucina
quell'odore di caffè, quello napoletano,
ti bacio la bocca per assaporare
la pietanza più bella di questa sera.


Racconto inviato da: Carlo D'Amato