POESIE - SICILIA
I VISTINI DE' SANTI P'E PICCIDDI
Una volta si vestivano, per voto, i bambini come i santi, con sai e vesti, per dedicarglieli, così volendo preservarli dai malanni della vita.
Dialetto: Sicilia

I VISTINI DE' SANTI P'E PICCIDDI
Li Santi ci su’ apposta ch’e genti
Ppi li bisuogni suoi chiù urgenti,
Ch’on si pò sempr’a Diu dumannari,
Sempri la Madunnuzza scumidari,

Si prostrinu davanti la statua so
Dumannannu la gran grazia, ma mò mò…
‘Na vota capitava chiù cuntinu
Ca li uai ‘ncucchiava lu cufinu,

E quannu c’era do mienzu un picciddu
La matri lu vistiva com’a Iddu,
Sant’Antoniu, ccu lu curduni biancu
E ‘ttaccatu ppi scinniri do sciancu.

S’era fimminedda c’è Santa Rita,
Tuonica nivura, “Ma ch’è pulita!”
E cullittuni biancu di davanti
“Ma l’uocchi l’ha calari, oh birbanti!”.

C’erunu li misi da primavera
Ca lu paisi pariva ‘na fera
Di Santantoni e di Santerita
Ca erunu lu signu di la vita,

D’on paisi ca circava ‘na spranza
E ccu la so gran fidi si la consa,
Vistiennu li picciddi di gran Santi
Ch’a vidili ti scuordi li gran stenti.



Traduzione in italiano

LE VESTI DEI SANTI PER I BAMIBNI
I Santi ci son apposta che le genti
Per i bisogni loro più urgenti,
Che non si può sempre a Dio domandare,
Sempre la Madonnina somodare,

Si prostrano davanti la statua sua
Domandando la gran grazia, ma mò mò...
Una volta capitava più spesso
Quando i guai conteneva il cofino.

E quando c’era di mezzo un bambino
La madre lo vestiva come il Santo,
Sant’Antonio, con il cordone bianco
E attaccato per scorrere sul fianco.

Se era femminuccia c’è Santa Rita
Tonaca nera “Com’è graziosa!”
E collettone bianco sul davanti
“Ma gli occhi devi abbassarli, oh birbante!”

C’erano i mesi della primavera
Che il paese sembrava una fiera
Di Sant’Antonio e di Santa Rita
Ch’erano il segnao della vita.

In un paese che cercava una speranza
E cona la sua gran fede se li condisce,
Vestendo i bambini di gran Santi
Che a vederli ti scordi i gran stenti.


Racconto inviato da: Giuseppe Messina