POESIE - VENETO
A beeza dee robe

Dialetto: Veneto

A beeza dee robe
Girando el most
ho vist un rosp
el vea na macia
in tea facia
el sà sbasà
el ma vardà
l'avarà pensà
"Mamma mia, che brut che le sto qua!"

E lora cossa ea a vera beeza?
Un fior che sbocia
magnar na canocia
zogar a baeon
destirarse sul paion
un fruto ross
saltar un foss
cascar de spae
far diese nodae.
E perchè no, anca un rosp
che el te varda intanto che te gira el most.


Traduzione in italiano

La bellezza delle cose
Girando il mosto
ho visto un rospo
aveva una macchia
nella faccia
si è abbassato
mi ha guardato
avrà pensato
"Mamma mia, che brutto che è questo!"

E allora cos'è la vera bellezza?
Un fiore che sboccia
mangiare una canocchia
giocare a pallone
distendersi su una montagna di fieno
un frutto rosso
saltare un fosso
cadere di spalle
fare dieci nuotate.
E perché no, anche un rospo
che ti guarda mentre giri il mosto

Racconto inviato da: Zorzetto Alessandro