POESIE - CALABRIA
U vintunu dicembri 2012
In attesa di questo fatidico 21 dicembre 2012 in cui, secondo i Maya, dovrebbe finire il mondo, il poeta cauloniese Giovanni Di Landro vuole esprimere il suo pensiero ed in questa breve poesia dialettale dice che fondamentalmente non sarebbe poi male se veramente questo mondo ingiusto finisse e finalmente verrebbe fatta giustizia e si ristabilisse l'ordine e la verità! Anche se amaramente sa in cuor suo che tutto ciò non avverrà e si continuerà a soffire ancora su questa terra!
Dialetto: Calabria

U vintunu dicembri 2012
U vintunu dicembri di chist’annu
ndavarrìa u fini chistu mundu ccani;
c’esti cui spera ch’è sulu n’ingannu,
e cui si menti nte capidi i mani,

eu inveci ‘on viju l’ura mi ndi dannu
a tutti quanti a giusta punizioni,
vogghju u c’è a fini e mu ndi giudicannu
e pemmu u spàrtinu i mali dî boni!

Ci volarrìa adaveru a fini i tuttu,
e nommu u resta î l’omini manc’unu,
u dicu veramenti e ‘on mi nda futtu:
‘on viju l’ura u veni stu vintunu!

E u si distruggi chista terra nosta,
ndavi u scumpari ogni esseri viventi,
c’ogni cosa po’ mali esti disposta
e suffri ingiustamenti troppa genti!

Ma sutta sutta sacciu ca poi â fini
chista leggenda è sulu n’invenzioni,
e chidi comu a mmia, comu cretini,
ndannu u sùffrinu pe’ generazioni!



Traduzione in italiano

Il ventuno dicembre 2012
Il ventuno dicembre di quest'anno
dovrebbe finire questo nostro mondo;
c'è chi spera che sia solo un inganno,
e chi si mette le mani tra i capelli,

io invece non vedo l'ora che ci diano
a tutti quanti la giusta punizione,
voglio che che ci sia la fine e che ci giudichino
e separino i cattivi dai buoni!

Ci vorrebbe veramente la fine di tutto,
e che non rimanga degli uomini neanche uno,
lo dico veramente e me ne frego:
non vedo l'ora che arrivi questo ventuno!

E che si distrugga questa terra nostra,
deve scomparire ogni essere vivente,
perché ogni cosa è disposta per il male
e soffre ingiustamente troppa gente!

Ma sotto sotto so che poi alla fine
questa leggenda è solo un'invenzione,
e quelli come me, come cretini,
dovranno soffrire ancora per generazioni!

Racconto inviato da: Giovanni Di Landro