POESIE - VENETO
a Venezia
Breve inno alla città con forte senso di appartenenza
Dialetto: Veneto

a Venezia
No gh'è a sto mondo, no, Cità più bela,
Venezia mia, de ti, per far l'amor;
No gh'è dona, nè tosa, nè putela
Che resista al to incanto traditor.

Co' un fià de luna e un fià de bavesela
Ti sa sfantar i scrupoli dal cuor;
Deventa ogni morosa in ti una stéla
E par che i basi gabia più saor.

Venezia mia, ti xe la gran ruffiana,
Che ti ga tuto per far far pecai:
El mar, le cale sconte, i rii, l'altana,

La Piazza e i so colombi inamorai,
La gondola che fà la nina-nana....
Fin i mussati che ve tien svegiai !

RICCARDO SELVATICO


Traduzione in italiano

a Venezia
Non c'è a questo mondo una città più bella,
Venezia mia, di te, per fare l'amore;
Non cè donna, ne' ragazza, ne' giovanetta
Che resista al tuo incanto traditore.

Con un filo di Luna ed un lieve venticello
Fai svanire gli scrupoli dal cuore;
Diventa ogni fidanzata in te una stella
E sembra che i baci abbiano più sapore.

Venezia mia, tu sei una grande ruffiana,
Alla quale nulla manca per far peccare,
Il mare, le calli nascoste, i canali, le terrazze sui tetti,

La Piazza ed i suoi colombi innamorati,
La gondola che fa la ninna-nanna...
Persino i moscerini che ci tiene svegli !

RICCARDO SELVATICO

Racconto inviato da: Paolo Chincarini