POESIE - ABRUZZO
L'INFARTU E 'U CORI
Mentre narro il mio infarto, il cuore interviene con il suo atto d'accusa nei miei confronti
Dialetto: Abruzzo

L'INFARTU E 'U CORI
L’infartu è malatia stran’assai
Ca ti minta subitu ‘n mienzu ‘i uai
E nun pinsavitu ca ti tuccassi
Ch’era ppi l’atri, tu ci hai ‘a to tussi…..

E ‘nveci lu to cori ch’è distruttu,
“Ancora colistirolu? cussì schiattu!”,
Si lassa iri e si lamenta forti
E a mumenti pari ca nun ti batti…..

“Spidugghiti, amuninn’o spitali!”
Ti dici ch’on duluri latirali
“Ccà ormai nun mi funziona chiù nenti
Tuttu ‘ntuppatu…forza string’i dienti!”

“’Sta machina….mah…quanti rabazziuna..
Ohu, si sta chiudiennu l’artiriuna..
Ccu ssu littinu…cuomu s’a muddìa…
‘Na cardioluga…lestu….tuttu mia”

Si spetta, si spetta, si spett’ancora
Fin ‘e tri e rivammu all’aurora
“Nun mi cridinu ca staiu scoppiannu?
Daveru ai’a jiri all’atru munnu?”

Ci vò ppi l’angioplastica ‘u pirmissu
“Firma….dannifichieri...armenu chissu!
Ah si chiama Musumeci ‘u dutturi?
Prumintici a Sant’Agata nu sciuri…..”

Rinisciu pulitu l’interventu
“’Stu sundinu ha statu veru santu,
M’ha luvatu di ‘n guoddu tutt’a lurdia
Mi scansà Musumeci ‘a pucundria….”

E ricumensa lu cori cc’a vita
Lu spitali a la spranza lu mmita,
“M’aia ripigghiari, chistu è sicuru
Ma ppi mia c’è ancora futuru”.



Traduzione in italiano

L'INFARTO E IL CUORE
L’infarto è malattia strana assai
Che ti mette subito in mezzo ai guai
E non pensavi proprio ti toccasse
Ch’era per gli altri, tu hai la tua tosse…..

E invece il tuo cuore ch’è distrutto,
“Ancor colesterolo? così schiatto!”,
Si lascia andar e si lamenta forte
E a momenti pare non ti batta….

“Sbrigati, andiam presto all’ospedale!”
Ti dice con dolore laterale
“Qua ormai non mi funziona più niente
Tutto costipato…dai, stringi i denti!”

“Quest’auto…mah…quanti scossoni…
Ohi, si sta chiudendo l’arteriona…
Con quel lettino…guarda come indugia…
Una cardiologa….svelti…tutta mia”

S’aspetta, s’aspetta, s’aspett’ancora
Fino alle tre e siam qui dall’aurora
“Non mi credono che sto scoppiando?
Davvero devo andare all’altro mondo?”

Ci vuol per l’angioplastica il permesso
“Firma…..pestifero…..almeno questo!
Ah si chiama Musumeci il dottore?
Prometti a Sant’Agata un fiore….”

E’ ben riuscito l’intervento
“’Sto sondino è stato un vero santo,
M’ha levato di dosso tutta la sporcizia
M’ha scansato Musumeci l’ipocondria…”

E ricomincia il cuore con la vita
L’ospedale alla speranza lo invita,
“Devo riprendermi, questo è sicuro
Ma per me c’è ancora futuro”


Racconto inviato da: Giuseppe Messina