POESIE - CAMPANIA
'sta vita
Versi dedicati alla condizione degli anziani abbondanati alla loro solitudine.
Dialetto: Campania

'sta vita
Quacche mumento ancora e ppò
'o tiempo cunzumarrà 'stu ffuoco
ce restarrà d''a cennere ll'addore
e nu poco 'e fummo a ce brucià.

Tutto fernesce quanno s'è abbiato
da quacche parte pure 'stu cielo
nun ce sò porte e nun ce sò strade
ce stanno cose ca nun può cagnà.

Guardete attuorno cumpagno mio
può vedè uocchie allere 'e giuventù
e nnuje pure rerimmo sempe cuntente
ma nu viecchio sulo chi 'o pò cunzulà?

Vulesse darle nu juorno 'e chesta vita
'n'atu juorno c''o putisse dà tu
e 'n'ato ancora vuje ca site guagliune
e chistu viecchio turnasse a campà.

Cumpagno mio dimane tuccarrà a nnuje
'e 'sti rresate quante ne restarranno?
forse nisciuno o forse a migliare
se 'e figlie nuoste 'e sapimmo 'mbarà.



Traduzione in italiano

Questa vita
Qualche momento ancora e poi
il tempo consumerà questo fuoco
ci resterà l'odore della cenere
e un po di fumo a bruciare.

Tutto finisce quando lo si è cominciato
da qualche parte pure questo cielo
non ci sono porte e non ci son strade
ci sono cose che non puoi cambiare.

Guardati intorno amico mio
puoi vedere occhi allegri di gioventù
e noi pure ridiamo contenti
ma un vecchi solo chi lo può consolare?

Vorrei dargli un giorno di questa vita
un altro potresti darglielo tu
e un altro voi che siete giovani
e questo vecchio tornerebbe a vivere.

Amico mio domani toccherà a noi
di queste risate quante ne resteranno
forse nessuna o forse a migliaia
se i nostri figli sappiamo educare.


Racconto inviato da: Luciano Vetrone