POESIE - VENETO
Brindisi
Poesia che veniva pronunciata al tradizionale banchetto dei regatanti
Dialetto: Veneto

Brindisi
Gh'è certi che trema
Vardandose a torno,
E visto ch'el mondo
Camina ogni zorno,

Ghe par che Venezia
Un dì cussì bela,
Un poco a la volta
Se cambia anca ela.

Mincioni, mincioni,
Lassè che lo diga;
Venezia no cambia
Per quanto che i ziga.

Xe andada in malora
La cale de l'Oca;
Ma el so Canalazzo,
Perdio, chi lo toca ?

Xe andai in so malora
Festini e ridoti,
I salti, le sagre,
Le forze, i casoti:

Va ben, ma gh'è sempre
La nostra Regata,
Gh'è sempre la festa
Che gnente ghe impata.

Velada, paruca,
Capelo a rafiol
Xe morti e sepolti;
Ma gh'è el barcariol !

E fin che sta razza
De brazzi e polmoni,
De omeni tressi,
Sbragioni ma boni,

In fin che sta razza,
Ripeto, xe quela,
Venezia no cambia,
Venezia xe bela !

RICCARDO SELVATICO


Traduzione in italiano

Brindisi
Vi sono alcuni che tremano
Guardandosi attorno
E visto che il mondo
Cammina ogni giorno,

A lor sembra che Venezia
Un giorno così bella
Un poco alla volta
Cambi anche lei.

Increduli, increduli,
Lasciatemi dire,
Venezia non cambia
Per quanto si dica.

E' andata in malora
La calle dell'Oca;
Ma il suo Canale.
Perdio, chi lo tocca ?

Sono andati in malora
Festini e teatri,
I salti, le sagre,
Le tenzoni, i casini;

Va bene, ma c'è sempre
La nostra Regata,
C'è sempre la festa
Che nulla l'eguaglia.

Velo, parrucca,
Cappello a falde
Sono morti e sepolti;
Ma cè il barcarolo !

E fino a che questa razza
Di bracci e polmoni,
Di uomini aitanti,
Sbraitanti ma buoni,

Fino a che questa razza,
Ripeto, è quella,
Venezia non cambia,
Venezia è bella!

RICCARDO SELVATICO

Racconto inviato da: Paolo Chincarini