RACCONTI - UMBRIA
Arrizzete, Marì!
Canto popolare folignate, reso celebre da Vincenzo Foglietta.
Dialetto: Umbria

Arrizzete, Marì!
Arrizzete, Marì, ché lu jornu è fattu
lu porcu sta a strillà jo lu stallittu
perché je manca l'acqua 'nda lu troccu.

Arrizzete che ghjemo pe 'ste ripe
cu li canestri a coje le murriche
arrizzete Marì, ce sta lu sole
ché lu troppu durmì te pò fa' male.

Li faciulitti so' cascati jone
li citruncilli non arvo' più sune
annaffieli comma' 'sti quattro fiuri
'sti citruncilli co' 'sti pummidori.

E Marcu la 'ncumincia la 'nfienata,
e Ninu l'ha finita la 'ntroccata,
e quillu ninu non se pò sta' zittu,
te vutta jo la porta de lu stallittu.

Lu carriolu te l'onno scocciatu,
lu stabbiu non te l'onno carrigghiatu:
porta lu carru da lu faracocchju,
da quillu dello fo' de Sant'Uracchju.

Arrizzete comma' ce sta lu sole,
ché lu troppu durmì te pò fa' male,
arrizzete comma' ché è ghjornu fattu,
te pò pijà 'chi corbu 'nda lu lettu!


Traduzione in italiano

Alzati, Maria!
Svegliati, Maria, perché si è fatto giorno,
il maiale strilla nella stalla
perché non ha l'acqua nel truogolo.

Svegliati, che andiamo su per le ripe
a cogliere more con i cesti,
svegliati, Maria, c'è il sole,
dormire troppo può nuocerti.

I fagiolini sono caduti,
i cetrioli non tornano su:
innaffia, comare, questi pochi fiori,
i cetrioli e i pomodori.

Marco (nome tipico del bue) ha iniziato a mangiare il fieno,
Nino (nome tipico del maiale) ha finito il mangime,
e quel maiale non riesce a stare zitto,
ti abbatte la porta della stalla.

Ti hanno rotto il carretto,
non ti hanno trasportato il letame,
porta il carro dal carpentiere,
da quello laggiù a Sant'Eraclio (una frazione a pochi km da Foligno).

Alzati, comare, c'è il sole,
il troppo dormire può nuocerti,
alzati, comare, si è fatto giorno,
che ti può venire un accidente nel letto!