POESIE - LOMBARDIA
CHISÀ

Dialetto: Lombardia

CHISÀ
Chisà se in da n tuclin da paradis
i linsa ncura la pulenta cul ref
i ha mia pastrucià al bianch a dla nef
i è sincer e i mantegn quel chi dis.

Chisà se là indu şlüşi li stèli
as cata na qual vòlta i ruşgnöi
e büganderi cha stend i linsöi
par cantar insiem li cansun pü bèli.

Chisà se al mund al restarà sensa sef
sas metem chiet e as vardema n puctin
se al pòst a dli bunbi casca la nef.

Ma quand agh sarà par tüti i pütin
na feta d pulenta linsada cul ref
alura al ben nal gh avrà pü cunfin.



Traduzione in italiano

Chissà
Chissà se in un pezzettino di paradiso
tagliano ancora la polenta col refe,
non hanno imbrattato il bianco della neve,
sono sinceri e mantengono quello che dicono.

Chissà se là dove brillano le stelle
si trovano qualche volta gli usignoli
e lavandaie che stendono le lenzuola
per cantare insieme le canzoni più belle.

Chissà se il mondo rimarrà senza siepi,
se ci quietiamo e ci guardiamo un pochino,
se al posto delle bombe cade la neve.

Ma quando ci sarà per tutti i bambini
una fetta di polenta tagliata col refe
allora il bene non avrà più confini.


Racconto inviato da: Sergio Aldrighi