RACCONTI - ABRUZZO
Sgubbèta, cioppa e culleturte
Dialetto di Castiglione Messer Marino
Dialetto: Abruzzo

Sgubbèta, cioppa e culleturte
Ce stèva nu Rôe ca faciôeva quattre pêasse. Tenôeva a mènde la jènde, le rôennele, le chêàsera e éra cundinde. Passatte na vècchja, ca jëiva pe' le fètte sëi, na vècchja a móde, sule ca ciuppechèva pe' na cossa, éra na po' sgubbèta e tenôeva péure lu culle turte. Lu Rôe je tenètte a mènde e je decètte: "Sgubbèta, cioppa e culleturte! Ah ah ah!" e je ze mettètte a rëide 'mbaccia.
Chélla vècchja éra na sdrèja. Allucêàtte lu Rôe pe' l'ucchje e decètte: "Rëide, rëide ca n'arparlôeme addumène".
E lu Rôe z'arfacètte n'andra resèta: "Ah ah ah"
Ssu Rôe tenôeva tre fëiglie, tre bèlle ugliàune. Lu jurne apprisse le chiamatte pe' jëi a spasse 'nzimbra. Ze presendatte la fëiglia cchiù grossa. E tenôeva la hobba. "La hobba?" decètte lu Rôe. "E gna t'è menéuta?"
"Ma" decètte la feiglia "la camerìra nen ha 'rfatte bune lu litte, acchescëi jìnnotte m'è menéuta ssa sorta de hobba".
Lu Rôe cumejêatte a merlejêà chèpe a chèpe a la sèla; stèva nervéuse.
Facette chiamà la secàunna fëiglia, e côessa ze presendatte nghe lu culle turte "Che è ssa storia?" decètte lu Rôe, "Che ce n'ôendra lu culle turte?".
"Sêa," j'arspunnètte la secàunna feiglia "la camerìra gna me speccejèva m'ha terète le capëille... E so 'rmasta acchescëi nghe lu culle turte".
"E côessa?" facètte lu Rôe vedènne a la tèrza fëiglia ca ze strascenèva, "e côessa chemmù mo' cioppeca?"
"Me n'avé jéuta a lu giardëine" decètte la tèrza fëiglia "e la camerìra ha colde nu fiàure de zëiveze e me l'ha terète. M'ha caschète 'ngima a nu péde e so' 'rmasta cioppa."
"Ma chëija è ssa camerìra!" alluqquótte lu Rôe "Che bbènga a ècche!"
Ze chiamatte la camerìra: menètte nnènze a lu Rôe aggrambèta e strascenèta da le uardje, chemmù - z'accundèva - se vrehugnèva a ze fa vedôe: éra sgubbèta, cioppa e torta a lu culle. Éra la vècchja de lu jurne apprëima! Lu Rôe séubbete l'arcanuscètte e alluqquótte:
"Faciôeteje na camëiça de pôece e pu' jettètela 'n galéra!"
La vècchja ze facètte cenôenna cenôenna, la coccia demendatte pezzéuta gné nu chiuve. Ce stèva nu cavéute a lu méure e la vècchja ce ze 'nzaccatte davôendre, passatte a l'aldra vanna e sbarattatte, lassanne loche schitta la hobba, lu culle turte e nu péde ciuppe.



Traduzione in italiano

Gobba, zoppa e
C'era un re che faceva quattro passi.
Guardava la gente,le rondini, le case, ed era contento. Passò una vecchietta, che andava per i fatti suoi, zoppicava un poco da una gamba, ed era anche un po' gobba,e in più aveva il collo torto.
Il re la guardò e disse: "Gobba, zoppa e collotorto! Ah Ah Ah!" e le scoppiò a ridere in faccia.
Quella vecchietta era una fata. Fissò il re e disse "Ridi, ridi ne riparleremo domani."
E il re scoppiò in un'altra risata " ah ah ah!"
Questo re aveva tre figlie, tre belle ragazze. L'indomani le chiamò per andare a spasso insieme. Si presentò la figlia maggiore. E aveva la gobba. "La gobba?" disse il re "E come ti e' venuta?"
"Ma", disse la figlia "la cameriera non m'ha rifatto bene il letto, così stanotte m'è venuto tanto di gobba."
Il re cominciò a passeggiare su e giù per la sala; si sentiva nervoso.
Fece chiamare la seconda figlia, e questa si presentò col collo torto. "Cos'è questa storia?" disse il re "che c'entra adesso il collo torto?"
"Sai," rispose la seconda figlia "la cameriera pettinandomi m'ha tirato un capello... E io sono rimasta così col collo torto."
"E questa?" fece il re vedendo la terza figlia che s'avanzava zoppicando "E questa perché zoppica adesso?"
"Ero andata in giardino," disse la terza figlia "e la cameriera ha colto un fior di gelsomino e me l' ha tirato. M'è cascato su un piede e son rimasta zoppa."
"Ma chi è questa cameriera?" gridò il re "Che venga in mia presenza!"
Fu chiamata la cameriera: era gobba, zoppa e torta nel collo. Era la vecchietta del giorno prima! Il re la riconobbe subito e gridò:
"Fatele una camicia di pece e poi mettetela in prigione!"
La vecchietta si fece piccina piccina, la sua testa diventò aguzza come un chiodo. C'era un buchino nel muro e la vecchia ci si ficcò dentro, passò dall'altra parte e sparì, lasciando lì solo la gobba, il collo torto e il piede zoppo.