POESIE - PUGLIA
A ciuètt
La civetta al mio paese era oggetto di superstizione. Si pensava che il suo canto di sera fosse il richiamo per la morte di qualche individuo malato!
Dialetto: Puglia

A ciuètt
L’è s’ntùt n’ata vòt l’av’t jér
Cantèv fort, ‘llucchèv e c’ facév sér.
N’ jév cant d’ c’chèl nda contròr
e mànch cant d’ rìll sopa nu t’mbòn
Jév’ cant d’ ciuètt! malamènt e fort
Quacchedùn chièm e po ciù port
Stu cant jè u lament i mort
Tozz’l u vrìt e subb’t a stà pront
‘Ccuscì stammatìn nd’llav’n i cambèn
Dui ndìll picqu’l e vun ròss e chièn
Tutt a jurnèt ogni tànt hann sunèt
Ogni vòt come na ‘bbott d’ scurièt!
Ntòn u R’sarij na femm’n nda Chiès
E stu fatt fùij p’ tutt u paés
“Chi è ‘mmort” ‘dumman u sp’nz’rèt
“E’ mort Giuànn, stév ‘mmalèt”.
Brutta numéij cià fatt sta ciuétt
Manch a nòtt po’ cantà
Pov’r vucèll sfurtunèt
Bast!
Mo pu pùr scap’là!



Traduzione in italiano

La civetta
L’ho sentita ancora l’altro ieri.
Cantava forte, gridava mentre veniva sera.
Non era canto di cicale alla controra
e nemmeno canto di un grillo sulla zolla.
Era un canto di civetta, malaugurante e forte.
Chiama qualcuno e poi se lo porta.
Questo canto è un lamento di morte.
Bussa al vetro e devi esser subito pronto.
Così questa mattina le campane suonavano a lutto.
Due tocchi acuti ed un uno grave e lento.
Per tutto il giorno ogni tanto hanno suonato.
Ed ogni volta era come un colpo di frusta.
Una donna in chiesa intona il Rosario
e la notizia corre per tutto il paese.
“Chi è morto” chiede un signore.
“E’ morto Giovanni, era malato”.
Che brutta fama s’è fatta la civetta.
Nemmeno la notte può cantare.
Povero uccello sfortunato.
Basta!
Puoi smettere di lavorare!


Racconto inviato da: Michele Giuliano