POESIE - PUGLIA
A curnacchj’
Quando qualcuno non ha voglia di fare una cosa, continua a rimandarla. Da noi si dice che fa cra...cra..cra come il verso della cornacchia. DIALETTO DI SAN PAOLO DI CIVITATE (FG)
Dialetto: Puglia

A curnacchj’
Stammatìn quànd m’so
r’sp’gghjièt
o ‘bbalcòn da cucìn m’so
‘ffaccèt.
E vìst u sòl ca nascév.
Jèv prèst, ma già cucév.
Ch’ sta bbèlla jurnèt
m’è proprji jav’zà?
Pur jòj è jì a fatijà!!??
Crà…crà…crà…. m’ha dìtt
‘na curnacchj’ cha stév a passà
M’ so ‘gg’rèt e m’ so jùt a cucà
M’è m’nùt da p’nzà chiudènn
a v’trìn…..
v’dìm ch’ m’ dìc a curnacch’j
crammatìn!!!



Traduzione in italiano

La cornacchia
Questa mattina quando mi sono svegliato,
mi sono affacciato
al balcone.
Ho visto il sole appena nato.
Era presto ma già scottava.
Con questa bella giornata
devo proprio alzarmi?
Devo andare a lavorare anche oggi?
Cra…cra…cra mi ha suggerito
una cornacchia che passava.
Mi sono voltato e sono tornato a letto.
Mentre chiudevo le imposte
pensavo…
vediamo cosa mi dice la cornacchia
domattina!!!

Racconto inviato da: MIchele Giuliano