POESIE - PUGLIA
A fèmmína mìj
Descrizione della tipica bellezza meridionale. DIALETO DI SAN PAOLO DI CIVITATE - FG -
Dialetto: Puglia

A fèmmína mìj
A fèmmína mìj jè tropp
Ďbbèll
Profumèt e dòc come nu fior
scamurzèll
Tíè i capill e líocchij
nir
ca tí Ďttacchín u còr e tí levín
u ríspìr
Ròsc, Ďvvambèt tíè
a vucchèll
sapurìt e Ďbbòn com e
na círasèll
Nu pètt larij ca quand
suspìr
I mínnùcc parín mílùn a
vírnìn
Jè na vírzùr dí rèn prén
Jè na vign díuva chién
Pía fà Ďnnammurà líè vùta
fa rìr.
Ma quand jèss rìr
mí Ďnnammòr jì !



Traduzione in italiano

La mia donna
La mia donna è troppo
bella;
Profumata e dolce come un fiore
díacacia.
Ha i capelli e gli occhi
neri
che ti legano il cuore e ti tolgono
il respiro.
Rosso fuoco ha
la bocca.
Saporita e buona come
una ciliegia.
Largo ha il petto che quando
sospira
il seno sembra prender forma di due meloni
invernali.
È un campo di grano fecondo.
È una vigna di uva ricolma.
Per farla innamorare ho dovuto
farla ridere.
Però quando lei ride
míinnamoro io.


Racconto inviato da: Michele Giuliano