POESIE - PUGLIA
A trumbètt Cannaròzz
Un omaggio alla vecchia figura del "banditore"
Dialetto: Puglia

A trumbètt Cannaròzz
Són, ‘llucch fort na trumbètt
ndà sti strèd d’ prét e d’ chianghètt
Da i chès d’ cav’cia ‘bbianch
chi jabb’t ‘nnanz e chi sta d’fianch
C’ rèp na port, c’ rèp na v’trin
Jèsc’n Natucc e cummèr G’s’ppin
Fin o p’ndón vann d’ corz
C’ jètt u bann sta Cannaròzz
Són a trumbètt, són n’ata vót
E jiss c’ fèrm ‘mmèzz o p’ndón
“O jò jò Cannaròzz póca pèn
e ‘ssà c’pòòòòll!”
“A ditt u Sin’ch…na cósa trist
crà a mancà l’acqu! Facìt pruvìst”!
Són a trumbètt e i péd strascin
P’ tutt u paés camin camin
Ca giacch’ttèll e a copp’l nghèp
l’occhij stràcch e a trumbètt ‘mmèn
Corr’n apprèss na morr vagliul
e subb’t i scapp nu “Jèt a ‘ffangùl!”

DIALETTO DI SAN PAOLO DI CIVITATE - FG -


Traduzione in italiano

La trombetta di Cannaròzzo
Suona, grida forte una trombetta
in queste strade di pietre e basolati.
Dalle case bianche di calce,
chi abita prima e chi sta di fianco.
Si apre una porta, si apre una imposta.
Escono Donato e comare Giuseppina
Fino all’incrocio vanno di corsa.
Si recita un bando, c’è Cannaròzzo.
Suona la trombetta suona di nuovo
e lui si ferma in mezzo all’incrocio
“O jò jò sono Cannaròzzo poco pane
e molta cipolla”
“A detto il Sindaco, cosa spiacevole,
domani mancherà l’acqua fatene provvista”.
Suona la trombetta e i piedi trascina.
Per tutto il paese cammina, cammina.
Con la giacchetta e la coppola in testa,
con l’occhio stanco e la trombetta in mano.
Gli corrono appresso molti bambini
e subito gli scappa un “andate a quel paese!”

Racconto inviato da: Michele Carmine Giuliano