POESIE - PUGLIA
A fèst Sant’Andònij!
Tradizione e festa del Santo Patrono Dialetto di San Paolo di Civitate (FG)
Dialetto: Puglia

A fèst Sant’Andònij!
Hann sc’nnùt u sant stammatìn
Mo c’ po’ ‘bb’jà sta tr’d’cìn!
C’è ‘ffaccèt ‘nnanz a stu piazzèl
quànd jév l’ór d’ mètt u m’sèl
Ha b’n’dìtt tutt stì cr’st’ijèn
T’nìt’v pront. C’ po mét u rèn!
A fèst Sant’Andònij !
Patrón du paés
A pr’c’ssión e tutt i gènt apprèss
u spèr ‘mmèzz a strèd, a batterìj.
Puzz d’ zul’f e carvón!
Chién d’ luc a Chiazz.
Gent ca ‘rriv da i paìs attùrn.
Fùm d’ carn arrùst e ‘ddór turc’nèll
Chi fa sott e sóp e chi va a s’ntì
quìll ca cant
So sciùt pur jì cu v’st’tèll nóv.
Cammiscia ‘bbianch, a scòll
e u cav’zón curt.
A br’llantìn nghèp, a scrìm ndè capìll
So p’cc’nìnn ma sènt n’at e tant
Camìn tìs tìs cóm s’ purtàss n’óv
Llècch u g’lèt e sperièm ca n’n chióv!
E p’ parè ‘cchiù bell
ch nu papav’r, ‘mbrond
da sor’m m’è fatt fa na stèll !
So jùt a mèss i vun’c, quella cantèt
E po’ ‘nda Vill a fa na pass’ggèt
Pat’m a ‘ccattèt i past da P’lòll
e ‘mmèzz a chiazz là ‘vvucìn
nuc e nucèll d’a ‘bbancarèll
Mattiuccìn
Joij c’ magn ‘bbón crud e cott
Maccarùn cu ‘rraù e
scorc’nucèll ca r’còtt
Brasciól d’ cavàll e na tacch
d’ v’ntrèsch!
Portajàll, mandarìn e
frutta frèsc’ch!
Nonònn mij ma dèt cènt lir
e mamm trent.
M’ sènt nu re! So cuntènt e cant
M’ facc nu gìr sòp i ségg volànt
M’è fatt u ‘bbagn ndò p’lón
‘ddrét u puzz
Stasér vaij pur jì sóp e
mach’n attuzz!
A sér a ‘ttard u spèr dint a chiùs
e i colp inàrij
Quanta ch’lùr! Fànn jurn a nott
e po’ scènn’n a vél
Pèr cha stànn rang’chann ‘ngél
Tre colp sìcch e fort
vun apprèss a l’avt
F’nìsc tutt cós p’ quìst’ann.
I gent c’ n vann
Chi sa s’ sta fèst l’ann ch’ vvè
stìm ngór qua e a putìm v’dè!
E nata vót com’ e tutt l’ann
spìj a Sant’Andònij e m’ ‘ddummàn
Jè proprij quèst a fèst ca vò u Sant?



Traduzione in italiano

La festa di Sant'Antonio
Questa mattina hanno deposto la statua del Santo.
Ora si può dare inizio alla tredicina.
Si è affacciato su questo piazzale
verso mezzogiorno.
Ha benedetto tutti i presenti.
Tenetevi pronti ora si può mietere il grano.
La festa di Sant’Antonio
il Patrono del paese.
La processione con tutta la gente appresso.
I fuochi pirotecnici nelle strade.
Puzza di zolfo e di carbone.
La piazza piena di luci e
gente che arriva dai paesi attorno.
Fumo di carne arrostita e odore di torcinelli.
Chi passeggia e chi ascolta la musica
e il cantante.
Anch’io sono uscito con il vestito nuovo.
Camicia bianca, cravatta
e pantalone corto.
Brillantina in testa e riga tra i capelli.
Son piccolino, ma mi sento importante.
Cammino teso come se portassi un uovo.
Mangio il gelato sperando che non piova.
Per sembrare più bello,
con lo stigma del papavero,
da mia sorella mi sono fatto incidere una stella sulla fronte. Sono andato alla messe delle undici, quella cantata
e poi in Villa a fare una passeggiata.
Mio padre ha comperato le paste dal bar Pilolli
e in piazza, lì vicino,
noci e arachidi dalla bancarella
di Mattiuccino.
Oggi si mangia bene sia crudo che cotto.
Maccheroni al ragù e
conchiglie con la ricotta.
Braciola di cavallo e un pezzo
di ventresca.
Aranci mandarini e
frutta fresca.
Mia nonna mi ha dato cento lire
e mia mamma trenta.
Mi sento un re sono contento e canto.
Farò un giro sulle sedie volanti.
Ho fatto il bagno nella vasca
accanto al pozzo.
Questa sera andrò
sull’autoscontro.
La sera tardi poi i fuochi d’artificio fuori paese
e i colpi in aria.
Quanti colori illuminano a giorno la notte.
Sembrano graffiare il cielo.
Infine tre colpi secchi, forti,
uno dietro l’altro.
Tutto finito per quest’anno.
La gente s’allontana.
Chissà se anche l’anno prossimo
potremo essere ancora qui a vedere questa festa.
Ancora un volta come tutti gli anni
guardo Sant’Antonio e mi domando.
E’ proprio questa la festa che vuole il santo?!

Racconto inviato da: Michele Giuliano