POESIE - PUGLIA
A malòmbr
Le sensazioni provate da bambini, perdono il sapore una volta grandi. Come un fantsma tradito!
Dialetto: Puglia

A malòmbr
N’ng jènn ‘llà ca jèsc’n i malòmbr!
E jì p’ prima cós jév ‘llà
Da pìcqu’l fujév ‘pprèss a na l’scèrt
dìnt a vìgn!
‘Ngappèv vùn e quànd c’ rumpév
a cód
a ogn e scàtt l’éva jast’mà
Nu scàtt…a chí t’è ‘mmùrt
N’atu scàtt… a chí
t’è
stramùrt
‘Ccuscì c’èv’n ‘nz’nghèt
E jì ‘ccuscì facév
‘Ndà nu cupp’tèll d’ cart
maccarun
u lup’nèr m’ttév vìnt lír
d’ lupín e m’ì magnèv strèd
a strèd dìnt a Vìll
A dumènch po’ ch’ cènt lír
m’ ‘bbuttèv d’ f’ch’tìgn
tàgghij e màgn!
A sér a scùrd, ‘nnascùs
‘ddrét i fràtt, i prím ‘bbèc
i prím tuccamènt!
Cènt mìll prumèss e
a t’st’mònij
i stèll, a lùn e u campanèr
Sant’Andònij!
Ròss! Po c’sìm fatt ròss.
Stì fàtt mo c’fann rír,
ma sò sparìt cóm e i cìngh
lír!
Pùr a malòmbr c’sènt
tradít
Tutt i cós c’ pàr’n
sciapít!



Traduzione in italiano

Malombra
Non andare là, ci sono i fantasmi.
Ed era la prima cosa che facevo.
Da piccolo correvo dietro le lucertole
nei filari della vigna.
Ne acchiappavo una e quando gli si spezzava
la coda,
ad ogni scatto bisognava bestemmiargli dietro. Uno scatto… una bestemmia.
Un altro scatto
ed ancora
una bestemmia.
Così ci era stato insegnato
ed io così facevo.
In un cono fatto di carta
per maccheroni
il venditore di lupini
mi metteva venti lire di lupini
che mangiavo passeggiando
nella Villa comunale.
La domenica poi, con cento lire,
mi abbuffavo di fichi d’india
appena sbucciati.
Di sera al buio, nascosti
dietro dei cespugli i primi baci
i primi toccamenti.
Cento, mille promesse!
Per testimoni
le stelle, la luna ed il campanile
della chiesa di Sant’Antonio.
Grandi! dopo siamo diventati grandi.
Queste cosa ora ci fanno ridere,
ma sono sparite come le cinque
lire.
Anche il fantasma si sente
tradito,
le cose sembrano non avere più
alcun sapore!


Racconto inviato da: Michel Carmine Giuliao