POESIE - PUGLIA
A carvunèll
Il mondo in bianco e nero se disegnato insieme può diventare a colori!
Dialetto: Puglia

A carvunèll
Nu pèzz d’ carvunèll
Nu foglj’ bianch e bèll.
E d’s’gnèt na spasèll
e sóp tanta r’cchj’tèll!
E fatt u sól ch’ tutt i ragg
nu p’dalètt e na scorc
furmagg!
Quatt chès, a Chiés e na
chiazz
A Vìll, a funtèn nu tragn
e na tazz
A torr, u turrión e a Pèzz’la
Chiés
Nu cacciunèll, na lèp, nu
cacamajés
Na chiùs ndò joch’n jòtt
vagliùl
Cìng ch’i sc’cacch e dùij c’u
‘gghiarùl
N’dònij la vist e ch’ nu suspír
“E’ bèll – a dìtt – ma jè tutt
nír!”
“E ti raggión! Jè nír e jè
‘bbèll
ma mò l’è fatt ca carvunèll”
"Quand e crà, s’ pass da quà
purt i ch’lùr…ca l’íma ‘pp’ttà!"



Traduzione in italiano

La Carbonella
Un carboncino,
un foglio bianco e bello.
Ho disegnato …
e sopra tantissime orecchiette.
Ho fatto il sole e tutti i raggi.
Un albero ed una crosta
di formaggio.
Quattro case, la Chiesa e la
piazza.
La Villa, la fontana, un secchio
ed una tazza.
La torre, il torrione e la Pezza
della Chiesa.
Un cagnolino, un’ape ed un
trampoliere.
Un campo in cui giocano otto
ragazzi.
Cinque con le guance rosse e due
con l’orzaiolo.
Antonio lo ha visto e sospirando ha detto:
“E’ bello, ma è tutto nero”.
“Ed hai ragione, è nero
ed è bello,
l’ho fatto adesso con la carbonella”
“Domani se passi di qua
porta i colori perché dobbiamo colorarlo!"


Racconto inviato da: Michele Carmine Giuliano