POESIE - PIEMONTE
UN SOGN

Dialetto: Piemonte

UN SOGN
Saba nöc i sun sogname
j’ö vist mia mare n-paradis
là stà sra banca ca firava
an-vardava tùta cuntenta cun ür sò soris.

Dacant a chila ür sue due masnà
una üd sà e una d’là
una biunda e una bruna
ndà n-paradis dop pochi agn chi ievu nà.

Si dui angiolet i vardavu sua mare
smiava chi ra cunuseisu pì
forse i so cavei ievu m-biancase
e n-facia cheiche rupie üd pì.

Quand da cit am-portava a müssa
pür preghè a drobiva ür sò “Massime Eterne”
e pür t-nì ür segn n-vece dra mistà
ieva ün risulin üd cavei grupà dür sue masnà.

Dür sue matotin-e sovent am parlava
e sempre n-tur sò cör ai portava
e finalment a ra rincuntraie
pür stè pür sempre n-sem.

Darmage cul bel sogn u-rè mac durà un mument
e sperand d’incuntrese cuntent
n-paradis un dì
anche niatri n-sem a tì.


Traduzione in italiano

UN SOGNO
Sabato notte ho fatto un sogno
Ho visto mia madre in Paradiso
Era seduta su una panca e filava
Mi guardava tutta contenta con il suo sorriso

Vicino a lei le sue due bimbe
Una di qua e una di là
Una bionda e una bruna
Andate in Paradiso a pochi anni dalla nascita

Quei due angioletti guardavano la loro madre
Sembrava che non la riconoscessero
Forse i suoi capelli si erano imbiancati
E sul viso qualche ruga in più

Quando ero piccolo mi portava a Messa
Per pregare apriva il suo “Massime Eterne”
E per tenere il segno invece del santino
Aveva un ricciolo legato dei capelli delle sue bimbe

Delle sue bambine sovente mi parlava
E sempre nel suo cuore le portava
E finalmente le ha rincontrate
Per stare per sempre insieme

Peccato quel bel sogno è durato solo un momento
Speriamo di incontrarci contenti
In Paradiso un giorno
Anche noi insieme a lei.

Racconto inviato da: Giovanni Vinai