POESIE - PUGLIA
A San Pàvl….na vót
Immagini e ricordi di una vita di paese che cambia.
Dialetto: Puglia

A San Pàvl….na vót
A San Pàvl na vót stèv’n
tanta p’dèl
e a mezzijùrn cu pèn
c’ facèmm l’acquasèl.
P’ i strèd passav’n i cavall
ch’i traín
Chìng, carr’ttùn e trainozz
c’u s’dín
U p’curèl, ‘nnànz ca bbarròcch
e apprèss p’equ’r e chèn:
na fíl ca ‘ng stocch.
I zít, a rràsc, ji’ttav’n
i cumbìtt
A nuij vagliùl ‘nghèp
c’ m’nav’n u flìtt.
So tèmp addrét, so cós ca
n’g fann cchiù
C’ carrièv l’acqua a tràgn
p’ ‘rr’nghìj a saról
C’ facèmm u bbàgn ‘ndà Sciumèr
o dìnt a bagnaról
C’ sìm ‘nnammurèt ‘mmezz o rèn
e p’ dìnt i vìgn
Drét i fràtt d’ m’ricul e
d’ t’rìgn!
A San Pàvl na vót, ma ji pènz
pùr mò
C’ màgn, c’ vév e c’ stip’n i sold
‘ndò ch’mò!



Traduzione in italiano

A San Paolo....un tempo
Una volta a San Paolo c’erano
tanti alberi
e a mezzogiorno mangiavamo
pane bagnato
condito con olio e pomodoro.
Per le strade passavano i cavalli
coi carretti,
calessi carri e carrozze
col sedile.
Il pastore innanzi col bastono
e appresso le pecore col cane:
una fila che non si spezza.
Gli sposi in abbondanza buttavano
i confetti
e a noi bambini, in testa,
ci mettevano il ddt.
Son tempi passati son cose
che non si fanno più.
Si andava a prendere l’acqua
coi secchi alla fontane per riempire…..
Facevamo il bagno nel fiume
o nella bagnarola.
Ci innamoravamo in mezzo al grano
o nelle vigne.
Dietro fratte di more
e di mirtilli.
A San Paolo una volta,
ma io credo anche adesso.
Si mangia e si beve si conservano i soldi
nel comò!


Racconto inviato da: Michele Carmine Giuliano