POESIE - PUGLIA
A sggtèll cu funn d pagghij
Il ricordo di mia madre....
Dialetto: Puglia

A sggtèll cu funn d pagghij
A tèngh sèmp nnanz a locchij!
A véd cóm fùss mò!
Ddrét o mant, ppujèt a port
Na sggtèll ppttèt dazzùr.
Turchés cóm u cél d stu paés
Màmm c ssttèv quànd stév stràcch !
Spjèv fór i ggènt ca passàvn
Quella víj jév tùtt u mùnn síj
Tutt u mùnn passèv dint a quèlla víj!
A matín prèst quàtt pàss,
cu maccatùr nchèp, jév a mèss.
Zitta zitt p ng rspgghjà
ppannèv pòrt e vtrín e
bbjèv a cammnà!
A zuppér cu latt cavd sóp u tàvl
e u pèn tost vvanzèt i jurn prím
Jì facév i muccchìll e nzùppèv dint
pèn, làtt e occhij ancór chi scazzìll!
M facév bèll, m facév i bòcl a i capìll.
Rrnghjév u fèrr ch vrèsc e carvunèll p strà.
Cu dét mbùss sóp a lèngh
tucchèv sott a piàstr.
Frscccc facév e jév pront!
Pò dint a cucín u such cu rraù
jì mbunnév u pèn p m
ddcrjà e sèmp m nzacchèv
na bott cu cuppín !
Mamma míj tnèv locchj
vird e dór bèll assà !
e cert vót da nnascùs
lè vist pùr chijàgn!
E bbrùtt quand nu vagliól
véd a màmm ca chjàgn sóla sól
A sggtèll cu fùnn d pagghij
sta vacànt. Tu nn c sta cchiù!
Nu bèll jurn tu t n sì jut.
Ma jì u sàcc ndò si jùt a stà
Mo fàcc na còrz, ta vèngh a purtà!
Ccuscì pùr llà, quand t stràcch,
t pu ssttà!



Traduzione in italiano

Una piccola sedia con la seduta in paglia
Ce lho sempre davanti agli occhi,
la vedo come fosse ora.
Nascosta dalla tenda, appoggiata alla porta.
Una piccola sedia pitturata dazzurro.
Turchese come il cielo di questo paese.
Mia madre vi ci sedeva quando era stanca.
Guardava fuori la gente che passava.
Quella via era tutto il suo mondo e tutto il mondo passava in quella via.
Al mattino presto, quattro passi
con un fazzoletto sulla testa, andava a messa.
In silenzio per non svegliarci,
accostava la porta e
cominciava a camminare.
La ciotola di latte sul tavolo
ed il pane duro avanzato il giorno prima.
Ne facevo pezzetti che inzuppavo.
Pane latte ed occhi cisposi pieni di sonno.
Mi faceva bello, mi faceva i boccoli ai capelli.
Riempiva il ferro da stiro con brace di carbonella per stirare.
Con un dito bagnato sulla lingua
toccava sotto la piastra.
Frscccc faceva ed era pronto!
Poi in cucina il sugo con il ragù.
Io bagnavo il pane per assaggiare
e sempre mi dava un colpo con il mestolo.
Mia madre aveva gli occhi
verdeoro belli assai.
Qualche volta di nascosto
lho anche vista piangere!
E brutto quando un bambino
vede la madre piangere da sola.
La piccola sedia con la seduta di paglia
ora è vuota. Tu non ci sei più.
Un bel giorno te ne sei andata.
Io lo so dove sei andata a stare.
Ora faccio un salto e vengo a portartela.
Così anche là, quando ti stanchi, potrai sederti.


Racconto inviato da: Michele Carmine Giuliano