POESIE - CALABRIA
"Giustu sempri ricurdari"
Questi versi li ho scritti apprezzando il libro di Giuseppe Toscano (Presidente Associazione Pro-Pentedattilo Onlus) il quale aveva redatto un libro ("I muletteri di Melito") nel quale si descriveva con minuziosità la vita del Paese Vecchio dei suoi anni giovanili ed antecedenti
Dialetto: Calabria

"Giustu sempri ricurdari"
Sani senza progressu criscìvumu
Senza stressi tandu vivìvumu
Ora ‘u sonnu non mi cala
Spessu mi jazzu c’ a mala

Spessu arretu ‘nto tempu tornu
‘Na vota mai c’era talornu
Si pani e lavuru mancava
‘U stissu nuddhu si lattiriava

Paisi Vecchjiu ddhocu nascìa
Mi sì caru e mai ‘i tia mi spirdìa
Paisi Vecchjiu tandu poc’ abitatu
D' a fabbrica i Patamia' o shrascinatu

Faciva tandu friddu assai
Cusì forti n' u sintìa mai
Me’ ziu ‘a staddha curava
Vicin’ e ‘nimali ‘ndi sistimava

Riccu non era e 'i 'nimali pasciva
'A fera 'i Portu Sarbu poi s'i vindiva
'I èssiri riccu mai 'nc'nteressàu
Mai athri 'nimali o 'nu carrettu s' ccattàu

'Sti pinzeri cchjiù vivi ora si fannu
Si faciva tutti ‘i iorna ‘u compleannu
Tuttu cu' sudura era 'mbuscatu
Tuttu allura era ‘pprizzatu

Puru 'i mei tantu duru lavuraru
Mai 'na stampa si lamentaru
'I pocu s' ccuntentàvunu e 'nci piaciva
’I sapuri d’ a terra mi si sintiva

Paisi Vecchjiu ora riuni emancipatu
Casi novi garagi e bonu rinnovatu
‘Stu benèssiri ora tant’ avimu
‘U passatu però non ‘nd' u spirdimu

‘I tempi però ora tantu cambiaru
Aeri pi’ n’ athru Lillu mi scambiaru
‘Stu riuni che tantu dessi e ancora duna
‘U ricordu ‘i me pathri "'u pintu" però mai ‘bbanduna

Tuttu ormai lestu lestu scumpari
Pur’ i cosi chi tantu ‘ndi su’ cari
Sul’ a noshra mimoria cuscienziusa
Scava e ricorda p’ a genti curiusa

Peppi cu’ stu schrittu ‘u cori forti mi stringisti
Cosa bona pi’ ddaveru tantu facisti
Mai ‘stu progressu ‘nd’ havi schjiantari
Giustu genti e tempu passatu sempri ricurdari


Traduzione in italiano

"Giusto sempre ricordare"
Giusti senza progresso crescevamo
Senza stress allora vivevamo
Adesso non mi addormento
Spesso mi alzo infastidito

Spesso anche indietro vado nel tempo
Al Paese Vecchio mai vi era tristezza
Se pane e lavoro mancavano
Per questo nessuno si disperava

Paese Vecchio là son nato e ho vissuto
Mi sei tanto caro e mai ti ho dimenticato
Paese Vecchio allora poco abitato
Dalla fabbrica dei Patamia fino alla via Strascinato

Tantissimo freddo faceva allora
Così forte più mai ho sentito
Mio zio alla stalla badava
Vicino alla capra ed al vitello ci sistemava

Ricco non era e gli animali nutriva
Alla fiera di Porto Salvo poi se li vendeva
Di esser ricco mai lo ha interessato
Mai altri animali ed un carretto ha comprato

Questi pensieri adesso di più rivivono
Tutti i giorni festa si faceva
Tutto col sudore era guadagnato
Tutto allora veniva apprezzato

Anche i mie allora han duro lavorato
Loro stessi mai si son lamentati
Di poco s’accontentavano e gli piaceva
Dei sapori della terra gustare

Paese Vecchio adesso paese migliorato
Case nuove garage e ben rimodernato
Il benessere così denominato
Tutto cambia ma il passato non è dimenticato

Son cambiati adesso però i tempi
Per un’ altra persona ieri m’ han scambiato
Questo rione che tanto ci ha dato e ci dà ancora
Il ricordo di mio padre “il pinto” però mai abbandona

Tutto ormai velocemente svanisce
Anche le cose che più ci son care
Solamente la nostra memoria scrupolosa
Indaga e ricorda per la gente curiosa

Peppe tanto per questo rione come sempre hai fatto
Anche questa volta il cuore tantissimo mi hai stretto
Mai il giusto progresso ci deve spaventare
Giusto chi ha lavorato soffrendo sempre ricordare

Racconto inviato da: Lillo Sergi