POESIE - PUGLIA
A sor知 C地zèll
La condizione femminile e l'ingegnosità delle donne
Dialetto: Puglia

A sor知 C地zèll
Tu sì fèmm地, t檀a sta dìnt!
Tu sì fèmm地 n地 mpù scì!
Jìsc sùl ch mammà
Ch numéji t vù fa!
Qual誕 scól ! E 創ut値 ca
chijàgn!
Ch t sì mìss n暖hèp
Tu sì fèmm地 ndò vu
jì fujènn!
閃par稚 a cuscì, 僧par稚
n誕rt!
E C地zèll, cha p scì, jév
a maèstr,
c誕 僧barèt bbón bbón
a mach地ètt.
Facènn s池uvìzij; lavann piàtt
e cav壇èr
st地nèn i pann pul築zann
p 創dèrr.
St池ann cammìsc e 祖curtann
cav築un!
E 創g stév buch ca 創zapív
奏turà
創g stév rappèzz ch誕
創zapív rr恥築zà
Mín mín a mach地ètt!
Punt e tacch Sott e sóp
tutt u jùrn a sfruv団ià!
Zitt! semp zitt!
Quanta 喪ràji a vùta gnòtt
Quanta chjiant fàtt a scùrd
p n地 t fa 祖còrg !
Dint o cór 創dummachèt
U r痴pètt o libbertà ?
Str暖nènn na 組giacchèt
僧bastènn na v痴tín
T sì fatt ròss
a chièn a chièn
Tè lassèt nu jùrn
vagliuncèll
e te truvèt all誕ssacrés
femm地a bèll
Mo sì mugghjiér, màmm
e tì i n恥ùt!
膳vucín a te m so 僧barèt
ca sta vít jè cóm nu v痴tít.
N地g sta bùch ca
n地g pò 祖cungià
n地g sta pèzza scarcèt
cha n地g po rr恥築za!

dialetto di SAN PAOLO DI CIVITATE (FG)



Traduzione in italiano

A mia sorella Enza
Sei donna devi stare in casa.
Sei donna non puoi uscire.
Esci solo con la mamma.
Che nomea vuoi farti.
Ma quale scuola!
E inutile che piangi.
Cosa ti sei messa in testa.
Sei donna dove vuoi andare.
Impara a cucire,
impara un誕rte.
Ed Enza che, per uscire, andava
a bottega di cucito,
ha imparato molto bene
a far andar la macchina da cucire.
Facendo lavori in casa, lavando piatti
e pentole
stendendo panni e pulendo
per terra.
Stirando camicie e accorciando
pantaloni.
E non c弾ra buco che non sapevi
chiudere,
non c弾ra rattoppo che non sapevi
rattoppare.
Fai andar la macchinetta
punta e tacco sotto e sopra
tutto il giorno a sforbiciare.
Zitta ! Sempre zitta,
quanta rabbia hai ingoiato.
Quanti pianti al buio
per non farti accorgere.
Nel cuore addolorato:
Il rispetto o la libertà.
Stringendo una giacca
o imbastendo una vestina.
Sei diventata grande
lentamente.
Ti ho lasciato un giorno
ragazzina
e ti ritrovo all段mprovviso
donna fatta.
Ora sei moglie, mamma
ed hai i nipoti.
Al tuo fianco ho imparato
che questa vita
è come cucire un vestito.
Non cè buco
che non si possa chiudere,
non cè strappo
che non si possa riparare.


Racconto inviato da: Michele Giuliano