POESIE - CALABRIA
"Papuri, piscicani e scorcicoddhu"
Ricordi belli, brutti e...pericolosi
Dialetto: Calabria

"Papuri, piscicani e scorcicoddhu"
‘Stu papuri aeri vitti
Sutt’ e nuvuli fitti fitti
Long' assai veleggiava
Tuttu tuttu mi sbarruava

A tempi passati pinzai
Figghjiolu spissu mi ‘vventurai
Cu’ amici pi’ intra natàvumu
‘Sti papuri mi vardàvumu

Scorcicoddhu chi pigghjiai
‘A lizioni cusì ‘mparai
‘I piscicani èrunu tandu tanti
‘I me pathri 'i mani assai pisanti


Traduzione in italiano

"Navi, pescecani e schiaffoni"
Questa nave ieri ho visto
Sotto le nuvole minacciose
Così lunga veleggiava
Tantissimo mi attraeva

Ai tempi passati ho pensato
Ragazzo spesso osavo
Con amici al largo nuotavamo
Per vedere queste navi

Schiaffoni che ricevetti
La lezione così imparai
I pescecani allora erano tanti
Le mani di mio padre tanto severe





Racconto inviato da: Lillo Sergi da Melito di Porto