RACCONTI - CAMPANIA
L'acqua e a Vrasa
Morale:-L'unione fa la forza;l'apporto di tutti, ognuno secondo le proprie caratteristiche, è utile al fine del conseguimento del bene comune. Nessuno deve vantarsi di essere migliore degli altri.
Dialetto: Campania

L'acqua e a Vrasa
Ng'era na vota nu sicchio e na vrasèra
l'acqua ind'o sicchio e a vrasa ind'a vrasera.
A sciorta pazziaròla i mmettette fianco a fianco, tutt'e dui sott'a nu tàulo.
"Ah! Si nun nge fosse stata io,nun nge sarìa vita ncopp'a stu munno!" recette a auta voce l'acqua pe se fa sente r'a vrasa. E a vrasa accussì re respunnette:- "Tiniti raggione, ma senza u calore r'a fiamma mia, che fosse stu munno? Che fussi tu stessa?
Sulo chiatruli e chiatruli, friddi e senz'anima!"
"Che bbuò sapé tu?" respunnette l'acqua resenduta "Ind'a me aggiu sentuto u primo battito r'u primo core, u primo tremmulio re na cosa viva!"
"U ssaccio buono pur'io!" facette a vrasa "U calore mio mboca u nuzzo sott'a terra e po', chiano chiano, se apre, caccia na rarechella, na fugliulella e, 'mpruvvisamente, a ddò prima nun ng'era nienti può verè n'albero auto e forte, generoso r'ombra e frutti!"
Accussì l'acqua e a vrasa se menavano frecciate, quanno na vicchiarella, stanca e affannata,au tàulo s'avvicinao cu l'intenzione re s'assettà.
Piglianno posto ncopp a seggia, nu père stennette sott'au tàulo e, mang'a farl'apposta, u sicchio nduzzao cu na bella botta tosta.
Che nun succerette?!? U sicchio s'abbotecao cu l'acqua ncopp'a vrasa.
E a vrasa, puverella, ind'a n'attimo cennere addeventao.
Ma mango l'acqua facette na bella fine:-
'ncielo sene vulao cu nu sbuffo re vapore.



Traduzione in italiano

L'acqua e la Brace
C'erano una volta un secchio ed un braciere,
L'acqua nel secchio e la brace nel braciere.
La sorte giocherellona lo mise fianco a fianco, tutt'e due sotto un tavolo.
"Ah! se non ci fossi stata io, non ci sarebbe vita su questo mondo! disse l'acqua ad alta voce per farsi sentire dalla brace. E la brace così le rispose:- "Avete ragione, ma senza il calore della mia fiamma, cosa sarebbe questo mondo? Cosa saresti tu stessa? Solo ghiaccioli e ghiaccioli, freddi e senz'anima!"
"Che vuoi sapere tu?" rispose l'acqua risentita "Dentro di me ho sentito il primo battito del primo cuore, il primo tremolio di una cosa viva!"
"Lo so bene anch'io!" - fece la brace - "Il mio calore riscalda il seme sotto la terra e poi, piano piano, si apre, caccia una radichella, una fogliolina e, improvvisamente, dove prima non c'era niente, puoi vedere un albero alto e forte, generoso di ombra e frutti!"
Così l'acqua e la brace si lanciavano frecciate, quando una vecchietta, stanca e affannata, si avvicinò al tavolo con l'intenzione di sedersi.
Prendendo posto sulla sedia, un piede stese sotto il tavolo e, manco a farlo apposta, il secchio colpì con una bella botta tosta.
Cosa non successe?!? Il secchio si capovolse con l'acqua sulla brace.
E la brace, poverina, in un attimo cenere diventò.
Ma neanche l'acqua fece una bella fine:
In cielo se ne volò con uno sbuffo di vapore.

Racconto inviato da: Vincenzo Abatiello