POESIE - CAMPANIA
Filastrocca ra bona sciorta
Non c'è nessuno, né ricco né povero, che non abbia bisogno di avere una parola di conforto quando serve, della bontà e generosità del prossimo, della speranza che non succedano mai cose brutte, nessuno che può non gioire quando la buona sorte bussa alla nostra porta per farcene dono.
Dialetto: Campania

Filastrocca ra bona sciorta
Tuzzi tuzzi! te tozzolano a porta
Va viri chi è si nu poco te 'mporta
Chiano chiano arapi stanno accorta
accorta
Scurgenno nu poco fore accussì ti accorta
Re chi nge sta là, arreto la porta:-
Donna Maria cu 'ncapo na sporta.
"Signora mia! Quale bona sciorta
v'ha purtato a chest'ora 'ncapo a sta porta?"
"Giranno vao porta pe porta
purtanno cu mme sta bella sporta
Chiena re Speranza, Cunforto e buntà r'ogni sorta
A tutti ne dispenzo senza fa cosa storta
A ddu vano a fa bene nun è cosa ca 'mporta
Ognuno se mmereta sta bella sciorta
Ca mai indo na casa nge nnè abbastanza scorta!".


Traduzione in italiano

Filastrocca della buona sorte
Toc toc! Ti bussano alla porta
Vai a vedere chi è, se un po' te ne importa
Piano piano apri stando attenta attenta
Scorgendo un po' fuori così ti sei accorta
di chi ci sta là, dietro la porta:-
Donna Maria con in testa una cesta.
"Signora mia! Quale buona sorte vi ha
portato a quest'ora in capo a questa porta?"
"Girando vado porta per porta, portando con me questa bella cesta, piena di
Speranza, Conforto e bontà di ogni sorta;
A tutti ne dispenso senza fare cosa sbagliata
Dove vanno a far del bene non è cosa che importa
Ognuno si merita questa bella sorte
Che mai dentro una casa ce n'è abbastanza scorta.

Racconto inviato da: Vincenzo Abatiello