POESIE - VENETO
BUTEI DEL "99"
Poesia scritta in occasione del 100° Anniversario del coinvolgimento dell'Italia nella Prima guerra mondiale.
Dialetto: Veneto

BUTEI DEL "99"
Mi che son cressù tra vache e formenton
me cato in guèra con s-ciopi e piconi
a scavar fossi endove star de scondon
e far sese de filfero coi spini.

El parlar del tenente nissuni capisse
semo tuti butei che discore en dialeto
veronese, furlan… e lu ’l se rabisse,
el cuna la testa e’l ne dà l’elmeto.

No ghe persegari ne fiori rosa
no sento profumi drento sti busi
sarìa la staion de nar a morose
semo enfangadi, engobidi e spaìsi.

Cari mama e bupà impiséme un lumin
m’è rivà sula pèl sginse de bomba
par el tricolor son vegnù al confin,
chì, me sponso sensa crose ne tomba.



Traduzione in italiano

RAGAZZI DEL "99"
Io che sono cresciuto fra mucche e granoturco
mi trovo in guerra con fucili e picconi
a scavare trincee per nascondersi
e costruire siepi di filo spinato.

Ciò che dice il tenente, nessuno lo capisce
siamo tutti ragazzi che parlano in dialetto
veronese, friulano… e lui s’infastidisce,
scuote il capo e ci consegna l’elmetto.

Non ci sono filari di peschi né fiori rosa
non sento profumi in questi cunicoli
avremmo l’età per andare a morose
siamo sporchi di fango, incurvati e terrorizzati.

Cari, mamma e papà, accendetemi un lumino
sono stato colpito da schegge di bomba
per il tricolore sono venuto al confine
qui, mi riposo senza croce né tomba.

Racconto inviato da: Sergio Aldrighi