POESIE - LIGURIA
ARBENGA

Dialetto: Liguria

ARBENGA
Cumme a l’è bèlla Arbenga
sittè antiga
vista da l’âtu.
A tûre du cullegiu Oddu
in prìmmu ciàn,
ciu luntàn
u campanìn de San Miché
e peui e tûre
de Palassu Veggìu e di Malasemènsa
che da seculi abbrassèi
i se fan cumpagnia.
E teiti dappertüttu
in scè rügu e cà ingaune
Mi e speru de rivegghite prestu,
Arbenga, mé sittè dae sèntu tûri,
affaccià in scià Sènta
e cun l’Isura
ch’a te mira da luntàn.
(Dialetto ligure di Albenga)


Traduzione in italiano

ALBENGA
Com'è bella Albenga
città antica,
vista dall’alto.
La torre del collegio Oddo
in primo piano,
più lontani
il campanile della cattedrale
e poi le torri
di Palazzo Vecchio e dei Malasemenza
che da secoli abbracciate
si fanno compagnia.
E tetti dappertutto
sulle rugose case ingaune.
Spero di rivederti presto,
Albenga, mia città turrita,
affacciata sul Centa
e con l'isola Gallinara
che ti guarda da lontano.


Racconto inviato da: Vincenzo Bolia