POESIE - SICILIA
DDA PAROLA....
Una sola parola è principio e fine dell'amore e della sofferenza per l'uomo
Dialetto: Sicilia

DDA PAROLA....
‘A vita è ‘na guerra di paroli
C’è cu li usa cuomu li pistoli
Cu n’avi picca e li teni ‘n piettu
Cu si ci curca cuomu fussi liettu


M ch’è bella dda parola sincera
Ca spunta ‘u suli da primavera
Ch’on t’a spittavitu ccussì priziusa
Cuomu ‘na carizza, ma amurusa…

‘U cori s’a pigghia e la rimanna
Lu midiusu la senti cunnanna
La pirsuna bedda ni fa tisoru
Crisci di valuri chiossai dill’oru.

E quannu riva l’ura di muriri
Ca ni tocca iri di lu Signuri
“Vidiemmu cuomu parri” ni dumanna
“La parola o puostu to ti manna”

E di ddu mumentu nun pò mmintari
Farfantarii nun si puonu diri,
Ti nesci dda parola do to cori
Ca ti ci misi di ddi primaveri

Dd’amicu caru cc’a so cantalena
Ca di tia si pigghiava pena:
Appena la pronunci lu Signuri
Ridi ca ti nisciu da vucca un sciuri.



Traduzione in italiano

QUELLA PAROLA.....
La vita è una guerra di parole
C’è chi le usa come pistole
Chi ne ha poche e le tiene in petto
Chi si ci corica come fossero letto

Ma com’è bella quella parola sincera
Che spuna come sole a primavera
Che non t’aspettavi così preziosa
Come una carezza, tanto amorosa…

Il cuore se la prende e la rimanda
L’invidioso la sente condanna
La persona bella ne fa tesoro
Cresce di valore più dell’oro.

E quando giunge l’ora di morire
Che ci tocca presentarci al Signore
“Vediamo come parli” ci domanda
“La parola al posto tuo ti manda”

E in quel momento non puoi inventare
Bugie non se ne posson dire,
Ti sce quella parola dal cuore
Che ti ci mise in quelle primavere

Quell’amico caro con la sua cantilena
Che ti te si prendeva pena:
Appena la pronuncia il Signore
Ride ché ti uscì dalla bocca un fiore.


Racconto inviato da: Giuseppe Messina