POESIE - VENETO
'E rughe
Le rughe sono un dono della vita per le donne e non serve coprirle con le creme.
Dialetto: Veneto

'E rughe
'Na crema par dormire,
de giorno el fondo tinta,
cossi, de dì o de note,
te par co' 'a facia finta.

'E rughe che te porti
xé on libro co' 'a to' storia
e prima che so' 'a facia
te 'e scrivi in te 'a memoria.

'E conta de ogni lota,
no' importa trista o bona,
e del mistero grando
che sta ne l'esser dona.

Mistero ai maschi ignoto
pa' i vostri slanci e voli,
ma tanto voaltre alodole
de quanto noaltri poli.

Pa' farte queste rughe
te xé servia 'na vita:
no' sconderle co' 'e creme,
che te sì bea cossita.


Traduzione in italiano

Le rughe
Una crema quando vai a letto,
di giorno il fondo tinta,
così di giorno o di notte
sembri avere la faccia finta.

Le rughe che porti
sono sono il libro della tua storia,
e prima che scriverle in faccia,
le scrivi nella tua memoria.

Raccontano tutte le tue battaglie,
non importa se giuste o sbagliate,
e del grande mistero che consiste nell'essere donna.

Mistero ignoto a noi maschi
per i tanti vostri slanci e voli:
ma tanto voi sembrate allodole
quanto noi sembriamo polli.

Per avere queste rughe hai avuto
bisogno di una vita intera:
non nasconderle con le creme,
che sei bella così come sei.


Racconto inviato da: Sergio Giovanni Mocellin