POESIE - LOMBARDIA
CAL DÌ DA SAN GIUÀN
Questa poesia, redatta nel dialetto di Porto Mantovano,ricorda quel triste giorno della battaglia di Solferino e San Martino,invitando tutti alla riflessione.
Dialetto: Lombardia

CAL DÌ DA SAN GIUÀN
At fè pran ben Titiro
a star lì a l’òra
a supiar in dal suviöl,
intant ch’a scuri chiet
al Mens a Piétol vèc (Andes).
Agh hò ancur in ment
quand, in mèsa’l ròs,
ta gh cuntavi a Melibeo
al tu ben par Amarili.
Ti, adré al fiüm indua li cani
li biasa stòrii luntani,
t’avrè sentì i stòs
dal vintiquàtar ad giùgn
dal milaòtsentsinquantanöf
e i vèrs ad chi suldà
sfrucià da li baiuneti.
Bisugnares cuntàral a Melibeo
e a tùti chiàtar, cos’è sùcès a Sulfrin
e a San Martin, cal dì da San Giuàn.
Nisùn, cal dì, s’è ris-cià
d’andar a binar li quaranta nus
par la ricèta dal nus in,
e sut sera, là par tèra,
i urur ad la batàlia:
mòrt straminà, vus al cel
e caradèi rus… vèrs al Mens.
Mai pù, mai pù guèri…
i ha dit al rè e i dù inperadur,
ma ’l paröl dla guèra
l’è sénpar in sli brasi
e l’è asè na lengua ’d föch
par fàragh alvar al boi!
Sculta Melibeo…sculta!



Traduzione in italiano

QUEL GIORNO DI SAN GIOVANNI
Fai benissimo Titiro
a rimanere lì all’ombra
a suonare il piffero,
mentre scorre calmo
Il Mincio a Pietole (la vecchia Andes).
Ricordo ancora
quando, tra il gregge,
raccontavi a Melibeo
il tuo amore per Amarilli.
Tu, vicino al fiume dove le canne
borbottano storie lontane,
avrai udito le cannonate
del ventiquattro giugno
del milleottocentocinquantanove
e le urla di quei soldati
trafitti dalle baionette.
Bisognerebbe raccontarlo a Melibeo
e a tutti gli altri, cos’è accaduto a Solferino
e a San Martino, quel giorno di San Giovanni.
Nessuno, quel giorno, si è rischiato
d’andare a raccogliere le quaranta noci
per la ricetta del nocino
e all’imbrunire, là per terra,
gli orrori della battaglia:
morti sparsi, grida al cielo
e rigagnoli rossi… verso il Mincio.
Mai più, mai più guerre…
dissero il re e i due imperatori,
ma il paiolo della guerra
è sempre sulle braci
e basta una vampata
per farlo ribollire!
Ascolta Melibeo… ascolta!


Racconto inviato da: Sergio Aldrighi