POESIE - SICILIA
IPOGLICEMIA
CHE CAPITA AD UN DIABETICO IN CASO D'IPOGLICEMIA, IN CHIAVE IRONICA
Dialetto: Sicilia

IPOGLICEMIA
Stasira mi pijiaiu d’insulina
'Na quantità ca ma muggheri Pina
Menu mali mi cuntrullava ‘ntenta
E vitti ch’a misura era trenta.

Oh è situazioni piriculusa
Di chiddi ch’è daveru pirniciusa
Cu l’ipoglicemia a cinquanta
E lu cori ca battiennu si scanta…

Chi c’è di fari? Zucchiru a volontà
E fari chiddu ca sempri nun si fa
Pi fari chianari la glicemia
Ca persi do cori la signuria.
Carameli, gelati, viscuttumi
Pasta ch’o sucu, nu ‘nteru muluni
Cirasa, succu di frutta, cannola
Ch’onn’i mangiava de tiempi da scola.

A machinetta ca fa li misuri
Travagghia ch’on si cuntinu li uri
Finu ca torna lu sistema giustu
Past’e scalora e nun dic’u riestu!




Traduzione in italiano

IPOGLICEMIA
Stasera ho iniettato d’insulina
Una quantità che mia moglie Pina
Meno male mi controllava intenta
e vide che la misura era trenta.

Oh è situazione pericolosa
Di quelle ch’è davvero perniciosa
Con l’ipoglicemia a cinquanta
E il cuore che battendo si mette paura….

Che c'è da fare? Zucchero a volontà
E fare quello che di solito non si fa
Per far salire la glicemia
Che perse del cuore la signoria.

Caramelle, gelati, biscotti vari
Pasta col sugo, un intero melone
Cerasa, succo di frutta, cannoli
Che non mangiava dai tempi della scuola.

La macchinetta che fa le misurazioni
Lavora che non contano le ore
Fa che torna il sistema giusto
Pasta e scalora e non dico il resto!


Racconto inviato da: Giuseppe Messina