POESIE - LOMBARDIA
GUSI
Uno stillicidio musicale come compagno di viaggio a marcare il lieve e il greve della vita.
Dialetto: Lombardia

GUSI
Gusi dal tec
da cup rut
tich,tich,tich
strinpèla i basin
al cuncèrt a dla piöa.
Gusi ad mandulin
tenp da còti
ranpar da serenadi
in sla feriada
dal prim ben.
Gusi ad cör,
tinfetunf
ad pasiun,
turment
magun, ruseghin.
Gusi in dli veni,
gusi a tenp
da’n butiglin schilent
a marcar al tich, tich
da’n vèc spartì.
Gusi in si spin
d’an Crist tacà vìa
ch’am varda a bras vèrt…
…e pu, gusi d’ògni sòrt
a misiàras lasù cul vent
quand gusi da stèli
li sugarà cun la lüna.



Traduzione in italiano

GOCCE
Gocce dal tetto
di tegole rotte
tic, tic, tic
strimpellano i catini
il concerto della pioggia.
Gocce di mandolino
tempo d’innamoramenti
si arrampicano le serenate
sulle inferriate
del primo amore.
Gocce di sentimento,
battiti
di passione,
tormenti
angosce, sassolini.
Gocce nelle vene,
gocce a tempo
da una boccetta trasparente
a segnare il tic, tic
di un vecchio spartito.
Gocce sulle spine
di un Cristo appeso
che mi guarda a braccia aperte…
… e poi, gocce d’ogni genere
a mescolarsi lassù col vento
quando gocce di stelle
giocheranno con la luna.


Racconto inviato da: Sergio Aldrighi