POESIE - CALABRIA
Caddu ch' mbasuna
Il caldo afoso proveniente dall'Africa di questi ultimi tempi è un caldo che mi ricorda gli anni '60 -'70 quando le temperature di allora facevano partire parecchi verso l'Aspromonte per cercar refrigerio e si approfittava per fare anche un bel pic-nic. Altri bei momenti della mia infanzia impressi nella mia mente.
Dialetto: Calabria

Caddu ch' mbasuna
Caddu africanu ch’ nd’ mbasuna
A parecchji ‘nt ’a testa ‘ndi sduna
Bellu ddhù fhrischiceddhu sutt' a luna
‘Ndi rinfhriscava ‘mboscati cu’ carcuna

Aria cadda ch ‘i guli sciuga e ’ssicca
Acqua fhrisca 'nc' voli e non picca
Bellu 'nt‘ nu bellu barri mi si zicca
Ahahahah...‘nu gelatu mi si ‘ddhicca

Assai scialatu l' Asprumunti spetta
Mi si rispìrunu ddh’ aria benedetta
Eccu! ‘Rrìvunu puru ch' i lambretti
Portandu pasta o furnu e cutuletti


Traduzione in italiano

Caldo che stordisce
Caldo africano che ci stordisce
A parecchi in testa ci colpisce
Bella quell' arietta fresca sotto la luna
Ci rinfrescava nascosti con qualcuna

Aria calda che asciuga e secca le gole
Acqua fresca e non poco ci vuole
Bello è in un bel bar infilarsi
Ahahahah...un gelato per leccarsi

Assai divertito l’ Aspromonte aspetta
Per respirarsi quell' aria benedetta
Ecco!!!Arrivano anche con le lambrette
Portando pasta al forno e cotolette


Racconto inviato da: Lillo Sergi da Melito P.S.(RC)