POESIE - CALABRIA
"Jurnata propriu nira"
16 settembre 2015 Una giornata uggiosa e piovosa mi ha destato delle emozioni...anche piacevoli
Dialetto: Calabria

"Jurnata propriu nira"
Puru oi scura matinata
D’ acqua tantu hjiaurava
Poi chjiuvìu e chi rinfhriscata
Assai ‘sta cosa mi scialava

D’ a fineshra eu vardava
‘St’ acqua fina e scruscianti
Tutt‘ a màchina lurdava
Assai ‘sta cosa fu siccanti

‘A iatta a mmia ‘ppuggiata
Cu’ piaciri l’ aria hjiaurava
‘U pilu si pulizzava siddhiata
Assai ‘sta cosa mi rallegrava

‘A vita chjianu vogghjiu gustari
Chistu però tantu veloci iva
Non pozz‘ a velocità suppurtari
Assai ‘sta cosa non mi piaciva

Fhriscu acqua ombrellu e celu niru
‘Sta iurnata propriu non mi piacìu
Throna e lampi ancora non finiru
Assai ‘sta cosa propriu non m’ iu


Traduzione in italiano

"Giornata proprio nera"
Anche oggi buia mattinata
Di acqua tanto profumava
Poi ha piovuto e rinfrescato
Questo mi ha rallegrato

Dalla finestra guardavo
Quest’acqua leggera e torrenziale
L’auto pulita ha sporcato
Questo invece mi ha seccato

La gatta accanto a me
L’aria con gusto annusava
Il pelo si puliva infastidita
Questo tanto mi divertiva

La vita mi piace lentamente gustare
Tutto questo velocissimo però andava
Non posso la velocità sopportare
Questo allora non era d’apprezzare

Fresco ombrello e cielo plumbeo
Questa giornata non mi è piaciuta
Tuoni e lampi ancora non han terminato
Questo certo non mi ha garbato

Racconto inviato da: Lillo Sergi da Melito P:S:(RC)