POESIE - SARDEGNA
Vapuréttu giancu
Nostalgia di un'emigrante per la propria terra.
Dialetto: Sardegna

Vapuréttu giancu
Vapuréttu giancu
ôchétta sbufante sensa próle,
t'ho bramàu quande a stè a l'arivova
t'ho ôdiàu quande ôtubre, inesuràbile,
u l'avansova.
Inte 'n'orba griggia, tróppu triste,
dóppu e lògrime da nötte,
ti me purtovi via,
ti me strasiovi u cö.
Mé nónno, fórte, grande,
in sciâ banchiña u m'acumpagnova.
Ti, cianin cianin, te destacovi
e lé, inti mé öggi de figétta,
picin picin u diventova.
Ma cun ti se destacova, preputente,
a mé ànima.
Lé nu...nu ti â purtovi via...



Traduzione in italiano

Vaporetto bianco
Vaporetto bianco
ochetta sbuffante senza prole,
ti ho bramato quando l'estate arrivava,
ti ho odiato quando ottobre, inesorabile, avanzava.
In un'alba grigia, troppo triste,
dopo le lacrime della notte,
mi portavi via, mi straziavi il cuore.
Mio nonno, forte, grande,
sulla banchina mi accompagnava.
Tu piano piano ti staccavi e lui,
nei miei occhi di bambina,
piccolo piccolo diventava.
Ma con te si staccava, prepotente,
la mia anima.
Lei no...non la portavi via.


Racconto inviato da: Margherita Crasto