POESIE - CALABRIA
"A conca d' u brascjieri"
14.12.2015- Bel ricordo che ho della mia infanzia di questo piccolo ma fondamentale strumento che d' inverno ci riscaldava non avendo altri mezzi per farlo. M' ha lasciato, senza far retorica, il bel sapore che si ha della famiglia allegra, gioviale, senza pensieri riunita attorno al fuoco che piano piano sta scomparendo
Dialetto: Calabria

"A conca d' u brascjieri"
Briscjiendu menthri studiava
‘I ‘nghiacciati pedi mi caddiava
Si iazzàvunu ch’ i so’ caluri
‘I me frati lavuraturi

Non era ‘a soletta ‘ncathramata
Era ‘a casa allura ‘nghiacciata
‘U friddu non cugghjiuniava
‘A ginesa prestu si cunzumava

Margherita tandu m’ ‘spittava
‘U luppinu puru priparava
Tanta ginesa spissu sciniava
Chì lestu 'a discesa pigghjiava

Me mamma i cuntinuu ‘u hjiuhjiava
Menthri a mangiari 'ndi dava
A circulu ch’ i me frati sistimati
Com’ e ‘nimali pasturati

Ora chist’ è ‘u caluri
I ’sti moderni condizianaturi
'E sempri però ‘nte noshri pinzeri
'U caddu ricordu i 'ddhì bbelli brascjieri


Traduzione in italiano

"La conca del braciere"
All’ alba mentre studiavo
I freddi piedi mi riscaldavo
Si alzavano coi suoi calori
I miei fratelli lavoratori

Non era la copertura incatramata
Era la casa allora ghiacciata
Il freddo non scherzava
La carbonella presto si consumava

Margherita allora mi aspettava
Il luppolo anche preparava
Tanta carbonella spesso disperdevo
Perché veloce la discesa prendevo

Mia mamma continuamente lo soffiava
Mentre a mangiar ci dava
A cerchio con i miei fratelli sistemati
Come degli animali alimentati

Adesso questo è il calore
Di questi moderni condizionatori
'E sempre però nei nostri pensieri
ll caldo ricordo di quei bei bracieri

Racconto inviato da: Lillo Sergi di Melito P.S.(RC)