POESIE - CALABRIA
"Gramu Natali"
24 dicembre 2015- Non c' è festa più bella del Natale da passare con gioia insieme alla famiglia, come vuole la tradizione, ma soprattutto al Sud (dove ci sono tante famiglie che vivono in ristrettezza economica), da qualche anno, a causa di tasse continue ed aumentate, queste sono costrette a passare le feste natalizie non come al solito (dignitose) ma in modo misero e quindi con tristezza.
Dialetto: Calabria

"Gramu Natali"
Faci friddu e non mi movo
Tisu sugnu com’ n chjiovu
‘U Natali i sempri m' ncantàu
Ch‘ u mali sempri curriàu

‘U caminettu mi caddìa
‘U brascjieri m’ u spirdìa
Tempi bbelli i ‘na vota
Non si faci cchjiù rota

Non sentu ‘u so’ gnau
L’àrbiru forsi ‘a ‘mmalìau
Dorm‘ a iatta runfandu
‘A cuda nira rutuliandu

'U Natali finarmenti ‘rruvau
‘U stipendiu a tanti no' nci bastau
Pisanti su' ‘sti tassi maliditti
Però 'u stessu stannu zzitti

Tempu forsi mai ‘nd’ avimu
P' u mundu bbonu mi facimu
Peppi e Maria ’nt' o so’ caminu
Tempu ‘nd’ èppiru pi' Gesù Bambinu


Traduzione in italiano

"Misero Natale"
Fa freddo e son intirizzito
Come un chiodo son irrigidito
Il Natale da sempre mi ha affascinato
Perché il male ha sempre incalzato

Il caminetto mi riscalda
Il braciere ho dimenticato
Bei tempi quelli passati
Non si sta più insieme

Non sento il suo miagolio
Le luci forse l’ han ammaliata
Dorme la gatta russando
La coda nera arrotolando

Il Natale finalmente è arrivato
Lo stipendio a tanti non è bastato
Pesanti son le tasse maledette
Però lo stesso stanno zitti

Forse noi tempo mai abbiamo
Per il mondo mai ben facciamo
Peppe e Maria però nel lor cammino
Tempo hanno avuto per Gesù bambino


Racconto inviato da: Lillo Sergi di Melito P.S.(RC)