POESIE - SARDEGNA
Au türista
Venite a visitare la mia isola
Dialetto: Sardegna

Au türista
U l'è bellu delungu u mé pàize, ti û se.
Ma de stè ti ghe ti e u me pioxe de ciü.
Me pioxe u tó sguordu cuiùzu, incantàu
davanti ai paesaggi da mé bella uiza.
Te pioxe u só aspettu,
i só carugétti,
e gente curdioli,
dai baróffu i vêgétti.
Te pioxe u só mò,
i só scöggi, u só sé
de 'na lüxe ciü intensa,
te dumandi u perchè.
Te pioxe i culuri,
e só sciùe e só chè,
a só poxe, i silensi,
te dumandi u perchè.
U perchè ghe l'ho mi.
U perchè u l'è tüttu
inta semplicitè.


Traduzione in italiano

Al turista
È sempre bello il mio paese, lo sai.
Ma d'estate ci sei tu e mi piace di più.
Mi piace il tuo sguardo curioso, incantato
davanti ai paesaggi della mia bella isola.
Ti piace il suo aspetto,
i suoi vicoletti,
la gente cordiale
dai "barüffi" i vecchietti.
Ti piace il suo mare,
i suoi scogli, il suo cielo,
di una luce più intensa,
ti domandi il perchè.
Ti piacciono i colori,
i suoi fiori, le sue case,
la sua pace, i silenzi,
ti domandi il perchè.
Il perchè ce l'ho io.
Il perchè è tutto
nella semplicità.


Racconto inviato da: Margherita Crasto