POESIE - CALABRIA
"Mari 'ndegnu"
-03 maggio 2016- Il mare…lo amo e per tanti motivi ma anche lo odio perché quando è agitato non guarda in faccia nessuno e spesso, contrariamente a quel che si dice, non dà indietro tutto quello che prende.
Dialetto: Calabria

"Mari 'ndegnu"
Spissu pacatu
Ma puru ‘rraggiatu
Stancu poi si ‘ddurmenta
Muvendu l’ unda lenta lenta

Sempri 'ndifferenti
Vid' a tanta genti
Stori cuminciati
'Nnamurati ‘bbandunati

Faci ‘nzunnari
Facili facili ‘nnamurari
Duna sempr' a mangiari
Sutt’ a luci d' i lampari

Vulissi parrari
Tanti stori cuntari
Di tanti e tanti cursari
Ch 'ndegnu fici 'ffundari


Traduzione in italiano

“Mare indegno”
Spesso pacato
Ma anche arrabbiato
Stanco poi si placa
Muovendo l’onda lentamente

Sempre indifferente
Vede tanta gente
Storie cominciate
Innamorati abbandonati

Fa spesso sognare
Facilmente innamorare
Dà anche sempre da vivere
Sotto la luce delle lampare

Vorrebbe parlare
Tantissime storie raccontare
Di tantissimi corsari
Che indegno ha affondato


Racconto inviato da: Lillo Sergi di Melito P.S.(RC)