POESIE - CALABRIA
"A musica d' u papatornu"
31 maggio 2016-Ricordo quante volte, passeggiando sulla riva del mare, prendevo una delle tante conchiglie che si trovavono sparse qua e là ed insieme alla mia ragazza ascoltavamo le vibrazioni che questa emetteva grazie al vento che la colpiva nella cavità facendole sembrare una dolce musichetta.
Dialetto: Calabria

"A musica d' u papatornu"
Subt‘ a me’ vita ‘lluminasti
Ch’i to’ occhji quandu spuntasti
Assai cchjiù bbelli i ‘na iurnata
D‘ n suli sciorbanti ‘lluminata

Assai sempri mi piacìru
Pirchì sempri mi ridìru
S’ i stelli ‘u celu ‘lluminannu
Iddhi cu’ mmia ‘u stissu fannu

Vulissi èssiri or’ a mmari
Cu’ ttia ‘mbrazzat’ a passiari
‘N papatornu mi ti truvassi
‘A so’ musica mi ti rialassi

I sempri chistu tu ‘u sai
Non mi stancu i tia mai
Si mi dassass' o tempu fari
Cu’ ttia vulissi sempri stari.


Traduzione in italiano

"La musica della conchiglia"
Subito la mia vita illuminasti
Con i tuoi occhi quando spuntasti
Assai più belli di una giornata
Di un sole accecante illuminata

Tanto mi son sempre piaciuti
Perché sempre mi han riso
Se le stelle il cielo illuminano
Essi con me lo stesso fanno

Vorrei esser adesso al mare
Con te abbracciato a passeggiare
Una conchiglia trovarti
La sua musica regalarti

Da sempre questo tu lo sai
Non mi stanco di te mai
Se mi lasciasse il tempo fare
Con te vorrei sempre stare.

Racconto inviato da: Lillo Sergi di Melito P.S. (RC