POESIE - CALABRIA
"A putìa i Larenzinu"
12 dicembre 2016-Ricordo da bambino questa osteria dove mio padre trascorreva qualche ora libera con gli amici, dopo il lavoro, e, uno dei pochi passatempi di allora (anni '60) era giocare a carte, col vino come premio per i vincitori (il gioco si chiamava "patruni e sutta", tra l' altro ancora in auge in bar o pub del reggino).
Dialetto: Calabria

"A putìa i Larenzinu"
Nobili putìa i vinu
Chidda i ndon Larenzinu
Tutt' i siri china
Pi' na 'mbriacatina

Cu' amici veri
A goffi e primeri
Me' pathri tandu
Si scialava iucandu

Iucàvun' a vinu
Bbonu e ffinu
'U "Tiru" scattava
Si carcunu fagliava

C' era 'mpari Gaitanu
C'' u baffu shranu
Nuddh' u zanniava
Si all' urmu rristava

Cicciu amicu forti
Cu' me' pathri mai torti
Mai mancavunu
Mai si sciarriavunu

Né pulitici e ‘vvucati
Né ‘mpiegati o letterati
Pi' nov' amanti
Nati èrunu cantanti

Rosa bbonu cucinava
Assai bbonu figurava
Sempr' allegra e ridiva
I baffi ‘lliccari faciva

Sì...bbella ddhà putìa
M' a ricordu cu' simpatia
S' a battiva ndon Larenzinu
Cu' Turioleddhu p' u megghjiu vinu


Traduzione in italiano

"La bottega di Lorenzino"
Nobile bottega di vino
Quella di don Lorenzino
Tutte le sere piena
Per una sbornia

Con amici veri
A goffi e primiere
Mio padre allora
Si divertiva giocando

Giocavano a vino
Buono e squisito
"Il "Tiro" s'infuriava
Se qualcuno scarseggiava

Vi era compare Gaetano
Dai baffi unici
Nessuno lo derideva
Se proprio non beveva

Ciccio valido amico
Con mio padre sempre leali
Mai mancavano
Mai litigavano

Né politici e avvocati
Né impiegati o letterati
Per nuovi amanti
Nati erano cantanti

Rosa ben cucinava
Benissimo figurava
Sempre allegra rideva
Il suo cibo si gustava

Sì...bella quella bottega
La ricordo con simpatia
Si contendeva don Lorenzino
Con Turioleddhu il miglior vino

Racconto inviato da: Lillo Sergi di Melito P.S.(RC)