POESIE - CAMPANIA
Pazzo pa' Pesca
L'apporto di questi versi si configura come un riconoscimento in Memoria dell'Autore Giuseppe Esposito (detto Peppe a' bucia) cantore popolare e narratore della Napoli che fu e ideatore della poesia riveduta, tradotta e corretta dal sottoscritto.
Dialetto: Campania

Pazzo pa' Pesca
Me songo appiccicato con mia moglie pe bbie che scengo a notte pe pescà !
Ate ca dice: “miettatenne scuorno! Purtasse maie pesce apart’e ccà!
Si vuje venite dint a casa mia truvate lenze e tutte qualità.
Sono gli ortigli per l’autarchia, o’pesce costa e nun se po’ accattà !
Il venerdì, che juorne sfurtunate…E’ nu juorne che me da sempe veleno!
Mò fa nu mese c’avett na tuccata, ca me credette ch’era na balena.
Dopp sett’ore e lotta o Chiatamone, pigliaje nu ciciniello e nu scarpone!
Mia moglie sta n’fenesta, nun saccio je stesso che l’aggia accucchià.
Mò dico: “e pisce, a festa, fann festa e quanno è festa s’anna repusà !
Che posso fare ! E vote me rincresce ca m’arretiro a casa senza pesce.



Traduzione in italiano

Pazzo Per la Pesca
Ho litigato con mia moglie perché ho la mania di pescare di notte.
Ecco cosa mi dice di solito: ”Vergognati! Non mi porti mai del pesce fresco quando torni a casa”.
Eppure, se venite a casa mia ho lenze di tutti i tipi da mostrare: sono preziosi mezzi di sopravvivenza perché il pesce si acquista a caro prezzo.
Il venerdì è proprio un giorno sfortunato…E’ un giorno che mi fa sempre disperare. Adesso è trascorso giusto un mese da quando mi sembrò di aver catturato un grosso pesce. Dopo sette lunghe ore di lotta con la canna nelle acque antistanti via Chiatamone (strada di Napoli parallela e attigua a via Parthenope) mi resi conto di aver preso solo un pesciolino ed una vecchia scarpa. Mia moglie mi attendeva con ansia alla finestra, Preso dall’imbarazzo non sapevo proprio cosa inventarmi per giustificare i miei insuccessi… Così pensai bene di dirle: “i pesci, solitamente, si assentano nei giorni di festa perché anche loro devono riposare!”
Purtroppo non ci posso fare niente! A volte mi rincresce di ritirarmi a casa senza aver pescato nulla.



Racconto inviato da: Giuseppe Esposito