POESIE - CAMPANIA
U Pazziariello
Reminiscenze di vissuti d'infanzia, il fascino di antiche tradizioni popolari, una sfrenata fantasia, sono gli ingredienti base di questa filastrocca da cui trapela il folklore della civiltà contadina del mezzogiorno d'Italia, in particolare del Cilento.
Dialetto: Campania

U Pazziariello
Arri arri ciucciariello
Trotta trotta com'a nu pacciariello
Curri curri p'u vicariello
Am'angappà u pazziariello

M'accattai a Santu Nazzario
A bancarella re Peppeniello
Ancora ancora m'u ricordo
Sempe 'ncapo nu cappiello
Fino fino lu cerviello
C'u pappatorio re nu vitiello

Ma curri e trotta, trotta e curri
Ciucciariello pacciariello
Am'arrivà au pazziariello
'Nfunno 'nfunno au vicariello
Prima ca su piglia u Munaciello
Chiro piezzo re fetentiello
Tanto nge tengo a stu cusariello
Ca si u perdo è nu turmiento
Chiu nienti me trattene
E me fazzo Riauliello


Traduzione in italiano

Il Giocattolino
Hop hop somarello
Trotta trotta come un pazzerello
Corri corri per il vicoletto
Dobbiamo acchiappare il giocattolino

Me lo comprai il giorno della Festa di S.Nazario
Alla bancarella di Peppiniello
Ancora ancora me lo ricordo
Sempre in testa un cappelo
Fino fino il cervello
Con l'appetito di un vitello

Ma corri e trotta, trotta e corri
Somarello pazzerello
Dobbiamo raggiungere il giocattolino
In fondo in fondo al vicoletto
Prima che se lo prende il "Monacello"
Quel pezzo di fetentello
Tanto ci tengo a questo cosettino
Che se lo perdo è un tormento
Più niente mi trattiene
E mi faccio Diavoletto

Racconto inviato da: Vincenzo Abatiello