POESIE - CAMPANIA
Partita e Piatto

Dialetto: Campania

Partita e Piatto
E statte bbuono ê sante… bonanotte:
chesti gghiurnate cca so’ overe bbrutte…
Nun conta niente cchiú: sulo ‘a pagnotta
e ppo’ ce ne futtimmo d’ uno ‘e tutto…

‘E sentimente?… Zuppa ‘e carnacotta!
‘O core e ‘o bbène? Senza cchiú custrutto!
E ‘ammore, ‘a passiona?… Vótta ‘a sotta…
Pòvere a nnuje: comme simmo arredutte…

‘E sorde! ‘E llire! E merita rispetto
chi cchiú zeffonna, chi mette a prufitto…
Conta ‘o denaro!… E finanche ll’ affetto

ce ll’ accattammo o ce ‘o pigliammo ‘nfitto…
senza addunarce, ahimmé, ca cu ‘stu fatto,
nce appezzarrammo, oj ni’, partita e ppiatto!








Traduzione in italiano

Partita e Piatto
E saluti ai santi... buonanotte:
queste giornate son davvero brutte...
Non conta nulla più: solo la pagnotta
e poi non ci interessa nient'altro...

I sentimenti?... Zuppa di interiora!
Il cuore e il bene? Senza alcun fondamento!
L'amore, la passione... Lasciali perdere...
Poveri noi, come siam ridotti...

I soldi! Le lire! E merita rispetto
chi più accumula, chi più guadagna...
Conta il denaro!... E perfino l'affetto...
lo compriamo o lo affittiamo...
senza accorgerci che così facendo
ci ripetteremo, ragazzo mio, partita e piatto!


Racconto inviato da: Raffaele Bracale