POESIE - CAMPANIA
Si me firo...

Dialetto: Campania

Si me firo...
Ma quanno, quanno torna primmavera,
ma quanno vô passà chistu frevaro?…
'Stu mese accussí 'nzisto, accussí amaro
m' à miso 'o ggelo nfino 'int' ê penziere…

E nun votta a ppassà! Matina e ssera
è sempe 'o stesso friddo senza paro,
sempe 'a stessa jurnata ca nun schiara
sott' a 'na tramuntana cupa e nnera…

………………………………………..
E tu me 'mmite: " Me'… facimmo 'ammore!"
Ma 'a do' te vene 'sta repassatura?…
Sto' 'ntabbarrato e nun piglio calore

figúrate spugliato!… Eh, aggio paura
ca pe… ffà 'ammore, bbella, vota e ggira
se ne parla… â staggione! Si me firo!






Traduzione in italiano

Se mi sento bene...
Ma quando, quando torna la primavera
ma quando vuol finire questo febbraio?…
Questo mese così cattivo, così amaro
mi ha messo il gelo persino nei pensieri…

e non passa… mattino e sera
è sempre lo sttesso freddo che non ha l'uguale
sempre la stessa giornata che non ha luce
sotto un vento di tramontana cupo e nero…

…E tu mi inviti:"Su facciamo a l'amore!…"
"Ma donde sortisce questa canzonatura?
Sto ben coperto e non mi accaldo..

Pensa un po' da spogliato…Sì, Temo
che per fare a l'amore, bella mia,
ne riparleremo in estate, qualora mi senta bene…


Racconto inviato da: Raffaele Bracale