POESIE - PUGLIA
La sàere
lungo il litorale seduta sulla scogliera in estate al tramonto...
Dialetto: Puglia

La sàere
Se n’ascènne n’alta dé,
ascènne e pàsse,
e u saule chiaine chiaine s’abbènne,
e scioche ‘mmézz all’àrue
e tènge d’argèinte e d’àure
tòtte re frònze e le ràime.
Saupe ò féle, addò spicce u màire
re nuvue pàssene e pàrene pècorèlle,
ca se tèngene préme de ròse, de rùsse e pò de blù,
e pòre mènghe che ne pettòre
se devèrte a pastregghiò
che le chelìure ca tène ‘mmàine, e tènge
…e po chènge arrète che ne pennèidde u cèile.
S’abbènne u sàule, se vè a còlche ind’a maire,
e fòce de brellènde tòtta l’acque.
Ed è na véte che jé m’nghènde a stu spettacue,
e m’nghènde angòre a guardò,
e stòche dò, tòtt’affratòte.
Intènte u vèinte,
ca dòlce dòlce vène da’mmezze a màire,
accarezze l’èrve de le paràite
e qualche fiore crescìute sàupe o miure,
e vène a scecquò e a chetuò la viste e le capidde mè;
pò se ne fìusce e scàppe arrète ‘mèzz’a màire.
Quènne u sàule ha sparescìute ‘ntutte
Jé u salìute cu penzèire e le deche :
ce vòle De ne vedéme crà,
tiue de sechìure che stà,
je...mah, je spère de petètte angore vedà.



Traduzione in italiano

La sera
Termina un altro giorno,
finisce e passa,
e il sole piano piano cala,
e gioca tra gli alberi
e colora d'argento e d'oro
tutte le foglie e i rami.
Sul filo (dell'orizzonte) dove finisce il mare
le nuvole passano e sembrano pecorelle
che si tingono prima di rosa, di rosso e poi di blu,
e sembra che un pittore
si diverta ad imbrattare
con i colori che ha in mano, e tinge
...e poi cambia ancora con un pennello il cielo.
Cala il sole, va a coricarsi nel mare,
e fa brillare tutta l'acqua.
Ed è una vita che io m'incanto a questo spettacolo,
e m'incanto ancora a guardare.
Intanto il vento,
che dolce dolce arriva dal mare
accarezza l'erba sulle pareti
e qualche fiore cresciuto sui muri,
e viene a giocare e a smuovermi il vestito e i capelli;
poi fugge via di nuovo verso il mare.
Quando il sole è sparito del tutto
io lo saluto col pensiero e gli dico:
se vuole Dio ci vediamo domani,
tu di sicuro ci sarai,
io...mah, io spero di poterti ancora vedere.

Racconto inviato da: lucrezia