POESIE - SICILIA
Pi ma figghiu
Il padre spiega al proprio figlio il modo più appropriato per poter vivere onestamente in questa società.
Dialetto: Sicilia

Pi ma figghiu
Figghiu mio ca riciarrottu anni fai sta matina
Divintannu maggiorenni pi la liggi e pi la sucietà
Esci sutta la tutela ri la patria potestà
E cu la to menti e lu to cori devi affruntari sta civiltà
Ti auguru ca tu po viviri filici e cuntentu
E siri ri la genti onesta ammiratu e apprizzatu
Comu ni lu tirrino bonu crisci lu megghiu frumentu
Siri lu faru addumatu pi lu naviganti in difettu
Ni la srata ro menzu cerca sempri ri camminari
Ca troppu cauru o friddu tu nun pozza sintiri
Rispetta e vo beni parenti amici e cumpari
Ma nun ti fidari ri nuddu accussì mali nun ti po viniri
Nun t’assittari no vancu ‘nsemi a li sfuttenti
E fai all’auttri chiddu ca vulissutu siri pi tia fattu
Susteni lu bisugnusu ca si trova ‘nmenzu li peni
E combatti cu tutta la to forza contro ogni misfattu
Ri la raggia e ri l’odiu nun ti fari pigghiari
E ri l’intusiasmu vacci che peri ri ghiummu
Cu calma raggiuna la cosa prima ca la fai
Picchì quannu sbagghi nuddu t’aiuta na stu munnu
Di la ricchezza e di lu putiri nun ti lassari ‘ngannari
Ma se l’hai ne manu nun ti li fari scappari
Cu sanu giurizziu e pisatu discernimentu l’ha sapiri usari
Pi na sta terra cuntentu filici e apprizzatu putiri campari
All’auttri poi ‘mbrugghiari e siri picca currettu
Ma cu tia stissu ha siri sinceru e onestu
E’ facili rari all’auttri la cuppa pe sbagghi toi
Sulu ai scimuniti poi cuntarla ma a tia nun lu poi!
Ri l’arma chiù putenti t’ha sapiri ‘mpatruniri
E mittiriti a serviziu ra giustizia e ra libertà
Quannu la pùsseri, l’infamia nun ti po scaffiri
E se nun l’hai capitu, l’arma chiù putenti è la verità
Chiù assai ri chiddu ca fazzu jù nun sacciu fari
Ma se dumani fazzu chiù assai macari a tia lu vogghiu rari
Li me cunsigghi e binirizzioni pozzunu cu tia sempri camminari
E lu Patre Eternu Diu ti po Iddu guidari e aiutari.

Siracusa, 27 Febbraio 96


Traduzione in italiano

Per mio figlio
Figlio mio che diciotto anni fai questa mattina
Diventando maggiorenne per la legge e per la società
Esci sotto la tutela della patria podestà
E con la tua mente e il tuo cuore devi affrontare questa civiltà
Ti auguro che tu possa vivere felice e contento
Ed essere dalla gente onesta ammirato e apprezzato
Come nel terreno buono cresce il miglior frumento
Essere il faro acceso per il navigante in difetto
Nella strada del centro cerca sempre di camminare
Che troppo caldo e freddo tu non possa sentire
Rispetta e vuoi bene amici e compari
Ma non ti fidare di nessuno, così danno non ti può venire
Non ti sedere nella panca insieme agli sfottenti
E fai agli altri ciò che vorresti a te essere fatto
Sostieni il bisognoso che si trova in mezzo le sofferenze
E combatti con tutta la tua forza contro ogni misfatto
Dalla rabbia e dall’odio non ti fare pigliare
E dall’entusiasmo vai con i piedi di piombo
Con calma ragiona la cosa prima che la fai
Perché quando sbagli nessuno ti aiuterà in questo mondo
Dalla ricchezza e dal potere non ti lasciare ingannare
Ma se li hai nelle mani non te li lasciare scappare
Con sano giudizio e pesato discernimento li devi sapere usare
Per in questa terra contento e felice poter campare
Agli altri puoi imbrogliare ed essere poco coretto
Ma con te stesso devi essere sincero e onesto
E’ facile dare la colpa agli altri per gli sbagli tuoi
Solo ai dementi puoi raccontarla ma a te non lo puoi
Dell’arma più potente ti devi sapere impadronire
E metterti al servizio della giustizia a della libertà
Quando la possiedi, l’infamia non ti può scalfire
E se non lo hai capito l’arma più potente è la VERITÀ
Più di ciò che faccio io non so fare
Ma se domani faccio di più, pure a te lo voglio dare
I miei consigli e benedizioni, possono con tè sempre camminar
Ed il PADRE ETERNO DIO ti possa EGLI guidare e aiutare

Siracusa, 27 Febbraio

Racconto inviato da: Adriano Boscarino