POESIE - LOMBARDIA
Telàar
L'ansia del giungere in tempo al lavoro e la fatica della corsa in bicicletta si coniugano con l'impegno del condurre i telai nelle tessiture rumorose di una volta
Dialetto: Lombardia

Telàar
Al telaar

Al batt e al ribatt ul sò telaar:
la navéta la passa e la suspira,
Lée, cui öcc ai fiil,
in pée, cunt ul cò bass
e un'ugiava da travers a n'altr' aspiin,
la fira.
Primm turno d'ra mattina.
La cursa in bicicleta a la fai perd
l'ültim tévid dul lécc
e mò, cunt ul primm ciàar dul dì,
l'è già 'l caald südaa du ra fadiga.
A l'e in ritaard ..
La g'ha da rivà in téemp…
Prima du la sirena: vess già lì.
…Cambià 'na ròcca,
andagh a drè a 'n fil rótt, e pö
cun na pestava d 'ra leva fal partì
in dun frecass da stupà sü i urecc.






Traduzione in italiano

Telaio
Al Telaio
(mestieri di una volta)

Batte e ribatte il suo telaio:
la navetta passa e sospira,
Lei, con gli occhi ai fili,
in piedi, con la testa bassa
e un'occhiata di traverso
a un altro"aspino", la fila. (Tesse)
Primo turno della mattina.
La corsa in bicicletta (gli) ha fatto perdere l'ultimo tepore del letto ed ora, con il primo chiaro del giorno, è già il caldo sudato della fatica.
E' in ritardo.
Deve arrivare in tempo:
prima della sirena essere già lì.
…Cambiare una rocca,
andar dietro a un filo rotto, e poi
con un pestone della leva farlo partire
in un fracasso da chiudersi le orecchie (assordante).


Racconto inviato da: Paolo Pozzi - varese