POESIE - SICILIA
Ruspigghiti Sicilia
L'autore vuole fare un inno alla sua Sicilia chiedendole di "svegliarsi" e di reagire a tutte le malefatte che sto popolo ha subito nel tempo!
Dialetto: Sicilia

Ruspigghiti Sicilia


Ritonna la primavera, e ruspigghia la natura
Chistu è “ndonu ri lu Signuri, pi nosrà ran fortuna
Ri la terra spunta l’erba, e metti dopu li ciuri
E lu cori ra picciutedda, batti fotti pi l’amuri

Mentri tuttu lu criatu s’arruspigghia, e si scutulia
Ni la ciaurusa campagna, regna sovrana stu prufumu ri zachira
Sciuti ri la tana, li scussuni s’attucigghiunu amurusi
Li passaredda svulazzunu, libbiri contenti e giuiusi.

E tu Sicilia mia, mia terra amata
Rimmi, quann’e ca t’arruspigghi?
Oramai ri tantu, troppu tempu si allitticata
Ri quannu macciddazzu ti ristrinzi (*)

Ri quannu lu rumano misi peri
Nun’avisti mancu ‘ngnornu ri frescura
Jè tutti i lattri, ri li cuntinenti
T’anà trattatu comu na pecora pi la tusatura

Tutti i cosi si puttaru, e nun lassaru nenti
Comu la china lassa la terra nura
Piffinu li nosri santi, comu nenti
Si li puttarunu, pi nauttra vintura.

Ri tutti chiddi ca t’hannu conquistatu
Sunu picca chiddi ca t’hannu apprizzatu e amatu
Sulu chiddi c’a na misu rarici t’hannu amatu cu tuttu lu cori
Sunu rarici siciliani e terra stissa rimmi unnè ca trovi?

Lu sacciu ca li ricchizzi toi jerunu assaie
Ri fari ‘nmiriàri la ran signora
E uòra ca ri rubbari, nun c’è chiù ‘nenti
Ti vonu veniri a ghittari a spazzatura

II°

Ma la munnizza iddi si l’ana ‘ssabbari
Jè supra la pasta pi fummaggiù si l’ana manciàri
Niauttri ni la nostra terra puliti vulemu stari
Jè ro travagghiu onestu vulemu campari

Ti rivuòddi ra primavera ro 1.282
Quannu ro vadduni francisi, nun ni putisti ‘cchiui
Ca cu la loru forza, facevunu l’arruganti
E ni na pocu iòrna, ti sbarazzasti ri li petulanti

E tu vecchiu Lilibeu, ca ni cuntasti menu ri milli
Cammisi russi mali armati, vinuti ri l’Italia pi libbirari
Ci rasti lu sancu re to picciotti pi Calatafini, Palemmu e Milazzu
Jè fatta l’unioni, e tò picciotti trattarunu comu nu strazzu

Vintirui seculi, sunu oramai passati
Ca li furasteri fannu, ri ran pattruni
Penzu ca iè ura ri srogghiri si campani.
Pi luvariti ri ‘ngoddu, su ran vadduni

Ma li vadduni toi su ammenu rui
E cu fozza e lena l’ha sapiri affruntari
Lu furasteri lattru, fora casa l’ama ‘ssucutari
E ri la vipera mafiusa, n’ama sapiri libbirari

Picchì se speri ca Macciddazzu, aiuta a tia
A luvariti la vipera mafiusa, ri la to casa
Jè ‘cchiù facili ca muncibeddu ci pinzia
Picchì iddu penza sulu a la so sacchetta iè a so casa

Chiddu ca ni sebbi iè lu travagghiù iè a vera liggi
Jè la signura fa la nofia iè nun capisci
Prima ci li manna, e dopu li abbannuna e si li corda
Ni la ucca e tra li franchi ra mafia viparola
me le “dd” dell’Italiano.

III°

Se giù aulissi parrai piè cullaburari
Ri tuttu chiddu ca sacciù iè aiu vistu
Rimmi tu, ri cu mi pozzu ‘cchiù fidari
Ca su tutti vinnuti e nun c’è ‘mpammu ri bon tirrinu

Nun ci criru, ca na st’isola nun ci sunu figghi degni ri rispettu
Sinceri e onesti c’amanu ri cori sta terra natìa
Nun vulemu li tinti politicanti c’amanu lu pottafogghiu ri lu pettu
Ma politici santi e co ficutu, pi sollivari chista terra mia

Se raveru vulemu sciri ri stu niuru ‘nfernu
Ti lu ricu iù tuttu chiddu c’ama fari
Sbrazzarini e affruntarli, macari cu lu nosru nuru pettu
Semu uomini onesti e libbiri e pe nosri figghi l’ama fari

E se pi chista guerra nun fussimu assai forti.
Jemu a ruspigghiari piffinu i nosri mortti
Ci rivulgemu iè santi prutittura nosri
Luvannici i suchilli e picciriddi, rannici fucili e pistoli

Forza figghi mei facitivi forti
So ca ri curaggiu vuiàuttri n’aviti ‘munnu
Ca ci voli menu forza, a suppurtari li cosi torti
Jè cu lu nosru silenziu, la mafia ni teni ‘npugnu.

Ruspigghiti Sicilia, ruspigghiti figghiola
Jetta l’omunu to, fora ri li linzola
Armati ri canna, iè racci a iddu la rancola
Pi assicutari ri sta terra la mafia viparola!

E quannu finalmenti ri sta terra avremo assucutatu
Lu rumanu e lu riaulu mafiusu ca pi troppu tempu hannu
spatrunatu
Putemu finalmente jttari uci, pi terra, pi celu, e pi tutti li mari
Sugnu sicilianu, onestu libbiru e cuntentu ni la me terra vogghiu
campari!!!…

Anno '94

(*) Macciddazzu = il console romano Marcello.

NB: le doppie “dd” delle parole siciliane sottolineate si devono pronunciare come “cavaddu”!
Quelle “dd” con il suono normale


Traduzione in italiano

Svegliati Sicilia


Ritorna la primavera, e risveglia la natura
Questo è un dono del SIGNORE, per nostra gran fortuna
Dalla terra spunta l’erba, e mette dopo i fiori
Ed il cuore della ragazzetta batte forte per l’amore

Mentre tutto il creato si risveglia e si scuote
Nell' odorosa campagna, regna sovrana questo profumo di zagara
Usciti dalle tane, i serpenti s’attorcigliano amorosi
I passeri svolazzano, liberi contenti e gioiosi

E tu o Sicilia mia, mia terra amata
Dimmi quand’è che ti risvegli?
Ormai da troppo tempo stai nel letto a poltrire
Da quando Marcellaccio (1) ti restrinse

Da quando il romano mise piede
Non hai avuto un solo giorno di frescura
E tutti i ladri dei continenti
Ti hanno trattato come una pecora per la tosatura

Tutto si portarono, e non lasciarono niente
Come la piena lascia la terra nuda
Perfino i nostri santi, come non fossero niente
Se li portarono per un’altra avventura

Di tutti quelli che ti hanno conquistato
Sono pochi quelli che ti hanno apprezzato e amato
Solo quelli che hanno messo radici, ti hanno amato con il cuore
Sono radici siciliane, e terra uguale dimmi dove la trovi?

Lo so che le tue ricchezze erano moltissime
Da suscitare l’invidia della gran signora (2)
Ed ora che di rubare non c’è più niente
Ti vogliono venire a buttare la spazzatura

II°

Ma l’immondezza loro se la devono conservare
E sopra la pasta per formaggio se la devono mangiare
Noi altri nella nostra terra pulita vogliamo restare
E del lavoro onesto vogliamo campare

Ti ricordi della primavera del 1.282
Quando della soma francese non ne potesti più
Che con la loro forza, facevano gli arroganti
E in pochi giorni ti sapesti liberare dei petulanti

E tu vecchio Lilibeo, che ne contasti meno di mille
Camice rosse male armate, venute dall’Italia per liberarti
Ci desti il sangue dei tuoi picciotti per Calatafini, Palermo e Milazzo
E quando l’unione fu fatta, furono trattati come strofinaccio

Ventidue secoli sono ormai passati
Che i forestieri fanno da gran padroni
Penso che sia giunta l’ora di slegare le campane
Per toglierci dal dorso questa grande soma

Ma le some tue sono almeno due
E con forza e resistenza li devi sapere affrontare
Il forestiero ladro fuori di casa lo dobbiamo cacciare (1)
E della vipera mafiosa ci dobbiamo liberare

Perché se speri che Marcellaccio aiuta te
A levare la vipera mafiosa dalla tua casa
E più facile che Mongibello (Etna) ci possa pensare
Perché lui pensa alla sua tasca e alla sua casa

Quello che ci serve è il lavoro, e la vera legge
E la signora fa la scema e finta di non capire
Prima ce li manda, e dopo li abbandona e se li dimentica
Nella bocca e tra le tentacoli della mafia viparola

III°

Se io volessi parlare e collaborare
Di tutto quello che so e ho visto
Dimmi tu di chi mi possa più fidare
Che sono tutti venduti e non c’è un palmo di buon terreno

Non ci credo che in quest’isola non ci siano figli degni di rispetto
Sinceri e onesti che amano di cuore questa terra natia
Non vogliamo icattivi politicanti, che amano il portafoglio del ripetto
Ma politici santi e con il fegato per sollevare questa terra mia

E se per questa guerra non fossimo assai forti
Andremo a risvegliare perfino i nostri morti
Ci rivolgeremo ai santi protettori nostri
Toglieremo i ciuccetti ai bambini dando loro fucili e pistole

Forza figli miei fatevi forti
So che di coraggio voi altri n'avete un mondo
Che ci vuole meno forza a sopportare le cose storte
E col nostro silenzio la mafia ci tiene in pugno

Risvegliati Sicilia, risvegliati figliola
Butta l’uomo tuo fuori dalle lenzuola
Armati di canna e dai a lui la “ roncala”
Per cacciare via da questa terra la mafia viparola

E quando finalmente da questa terra avremo cacciato
Il romano, il diavolo mafioso che per troppo tempo hanno
Spadroneggiato
Potremo finalmente urlare per terra, per cielo e per tutti i mari
Sono siciliano, onesto, libero e contento nella mia terra voglio campare!!!!!……

Anno '94

(1)= Il console Marcello;
(2) = Roma


Racconto inviato da: Adriano Boscarino